Guarino: «Show vergognoso sul Rdc, Di Maio la smetta di usare la disperazione della gente»

Il candidato di Noi moderati: «Abbiamo più volte chiarito che il Rdc va garantito a chi ne ha davvero diritto e bisogno, ma va corretto il tiro»

«Luigi Di Maio, come il Movimento 5Stelle di cui è stato fiero interprete fino a pochi mesi fa, continua a servirsi della disperazione della gente per racimolare voti. Nessuna forza politica, soprattutto in questo momento storico, vuole affamare chi non arriva a fine mese. Il sostegno economico garantito dal reddito di cittadinanza non è in discussione». Così l’avvocato Riccardo Guarino, candidato capolista di ‘Noi Moderati’ nel collegio plurinominale della Campania 1-01, sulla visita di Luigi Di Maio a Napoli e la tappa nella zona dei Vergini.

Pubblicità

«‘Noi moderati’ del centrodestra abbiamo più volte chiarito che il Rdc va garantito a chi ne ha davvero diritto e bisogno, ma va corretto il tiro a favore di un migliore inserimento nel mondo del lavoro. Di Maio la smetta di agitare le acque, di fare credere che lui è il solo a volere il Rdc e che tutti gli altri vogliono invece ridurre in miseria chi ha serie difficoltà. Il suo show di oggi alla Sanità è vergognoso».

«I cittadini di Napoli aprano gli occhi: i politici che fanno leva sull’assistenzialismo sono quelli che hanno paura dello sviluppo e del progresso della società; i politici che fanno leva sull’assistenzialismo sono quelli che vogliono relegare i cittadini al ruolo di schiavi. ‘Io ti dò il reddito e tu sei per sempre legato a me altrimenti non mangi’: questo è il pensiero di Di Maio. ‘Noi moderati’ invece diciamo: vogliamo creare lavoro, e tutti sanno che il lavoro rende liberi».

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Non vogliamo tenere i cittadini legati a noi con la minaccia di non far mettere loro il piatto a tavola. Noi vogliamo fare un patto coi cittadini affinché loro, lavorando, aiutino il Paese a fare passi avanti. Questa è la differenza tra ‘Noi moderati’ e quelli come Luigi Di Maio», conclude.

Setaro

Altri servizi

Camorra: indagato per favoreggiamento il fratello del boss delle cerimonie

Sabato Polese, 75 anni, avrebbe informato la famiglia Onorato delle indagini in corso Figura anche il fratello del defunto boss delle cerimonie Antonio Polese, tra...

Delitto di Senago, Giulia a Impagnatiello: «Non sono felice, vedrai Thiago col binocolo»

La 29enne al barman: «Accetta la mia decisione e chiudiamo il discorso» Le chat tra Giulia Tramontano e Alessandro Impagnatiello vanno in scena nell’aula del...