Federproprietà Napoli

Ragazzino non vuole consegnare la coca, partono le offese della famiglia

Pubblicità

I retroscena del blitz a Torre Annunziata

Venivano coinvolti anche i minorenni, figli dei pusher, nelle piazze di spaccio dei rione dei «Poverelli» di Torre Annunziata (Napoli), dove oggi i carabinieri hanno eseguito 16 arresti sotto il coordinamento dell’ufficio inquirente coordinato dal procuratore Nunzio Fragliasso. E quando i ragazzini si rifiutavano, venivano pure pesantemente apostrofati dai genitori.

Pubblicità Federproprietà Napoli

La circostanza emerge da un’intercettazione risalente alla notte del 26 dicembre 2018: uno degli indagati chiede al figlio, appena undicenne, di contattare la zia per chiederle di recarsi a casa loro e poi, quando questa arriva, cinque minuti dopo, allo stesso ragazzino viene chiesto di eseguire la consegna (10 grammi di cocaina) ma lui si rifiuta: «mi scoccio», dice. Il diniego innesca l’immediata reazione dei suoi genitori: «che bastardo», dice la madre al figlio reticente, incalzata dal padre che rincara la dose: «com’è infame».

Per la consegna, a questo punto, si offre la sorella del ragazzino, anch’ella minorenne, ma arriva la telefonata del fidanzato che è in carcere e la ragazza cerca di convincere il fratello offrendogli 10 euro, come ricompensa. Il ragazzino accetta.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Banco di Napoli, dove sono finiti gli 11.400 miliardi di lire di crediti inesigibili che la Sga ha recuperato?

Visco commissaria la Banca del Sud per 12milioni di crediti inesigibili, ma non vede i 23miliardi di sprechi pubblici per salvare il Montepaschi Dopo il...

Napoli, Gino Giammarino non presenta liste: «Il nostro lavoro non finisce, bensì parte da qui»

Confermata l’uscita di un numero speciale de ‘Il Brigante’ in 100.000 copie per dare voce al nostro progetto, ma anche ai cosiddetti “outsiders” Dopo una...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook