Federproprietà Napoli

Trovata morta la bimba scomparsa nel Catanese, il corpo fatto ritrovare dalla madre

Pubblicità

Per gli investigatori la denuncia della madre è «poco credibile»

E’ stato trovato il cadavere di Elena, la bambina di cinque anni rapita ieri a Tremestieri etneo. E’ stata la madre a fare trovare il corpo. Sul sequestro le indagini dei carabinieri e della Procura di Catania hanno puntato sia sul rapimento che sulla denuncia della madre che è apparsa «poco credibile» nella ricostruzione fornita. Alcune ‘anomalie’ sono emerse subito agli investigatori. La dinamica del sequestro nel racconto della donna: tre uomini incappucciati e uno armato di pistola. Nessun testimone, oltre lei, dell’episodio.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Non chiama subito aiuto sul posto, telefonando al 112, ma prima va a casa e poi con i familiari dai carabinieri a presentare la denuncia. Anomalie che hanno portato carabinieri e Procura a pressioni sulla donna che ha rivelato dove trovare il corpo della figlia. La mamma di Elena sta per essere nuovamente interrogata dalla Procura sulla vicenda. I carabinieri del comando provinciale di Catania hanno transennato un fondo agricolo distante alcune centinaia di metri dalla casa in cui abita la mamma. La zona è sorvolata da un elicottero e viene battuta da militari dell’Arma, come se fossero alla ricerca di qualcosa.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Ucraina e Russia ancora lontane su Crimea e Donbass

Nuovo corridoio umanitario per evacuare Mariupol Riprendono i bombardamenti in Ucraina e forti esplosioni si sono avvertite, già dalle prime ore del giorno, a Odessa....

Maggioranza sempre più spaccata sull’obbligo vaccinale e intanto si avvicina la riapertura della scuola

Confindustria spinge per la vaccinazione obbligatoria sui luoghi di lavoro, i partiti del Governo si dividono L’arrivo dell’autunno e la ripresa dell’anno scolastico riportano al...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook