Revoca finanziamenti, Nonno – Longobardi: «Ennesimo insulto alla città di Napoli»

Gli esponenti di FdI: «E’ sotto gli occhi di tutti la cattiva gestione della macchina comunale»

«Il procedimento amministrativo del Ministero dell’Interno di revoca di due finanziamenti per un importo complessivo di 750 mila euro ai danni del comune di Napoli, poiché nessuna opera è stata classificata su BDAP ai fini del contributo, rappresenta l’ennesimo insulto alla città ed a tutti i napoletani».

Pubblicità

E’ quanto affermano, in una nota, il consigliere regionale Marco Nonno e il consigliere comunale di Napoli Giorgio Longobardi, che hanno aggiunto: «E’ sotto gli occhi di tutti la cattiva gestione della macchina comunale, manca totalmente una progettualità amministrativa da parte del Sindaco e della Giunta».

«Occorre fare chiarezza rispetto alle eventuali responsabilità politiche ed amministrative relative al percorso che ha portato alla revoca dei finanziamenti – hanno concluso gli esponenti di Fratelli d’Italia – per questo abbiamo chiesto al Sindaco Manfredi di conoscere le cause e le origini che hanno originato la revocazione dei finanziamenti che potevano rappresentare una boccata di ossigeno per l’intera comunità napoletana. Dall’insediamento di Manfredi la città di Napoli è totalmente allo sbando, anche i servizi essenziali sono fermi all’anno zero ormai la luna di miele è finita di conseguenza stanno venendo a galla tutte le frottole dette in campagna elettorale».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Fondi Fsc? Un teatrino di Vincenzo De Luca per continuare a foraggiare interessi di parte

Per il governatore non esiste confine tra l'istituzione e il suo impegno politico Da mesi il presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca, sta lanciando,...

Strage in famiglia nel Palermitano, Kevin ha provato a difendersi con tutte le sue forze

Il 16enne ucciso durante un folle esorcismo Ha tentato di difendersi Kevin Barreca, il 16enne ucciso, durante un folle esorcismo dal padre, dalla sorella e...