Agente della Penitenziaria scoperto a introdurre droga in carcere

Ammanettato dai colleghi e posto agli arresti domiciliari

Un poliziotto della Penitenziaria in servizio al carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) è stato arrestato mentre entrava nell’istituto di pena per svolgere il proprio turno di lavoro perché trovato in possesso di 100 grammi di hashish. L’agente, 32 anni, è stato ammanettato dai colleghi del Nucleo Investigativo Centrale della Penitenziaria e del Comando del carcere e posto agli arresti domiciliari in attesa di convalida da parte del Gip.

Pubblicità

Nella sua autovettura è stata trovata una somma di 480 euro, che il poliziotto avrebbe ricevuto all’esterno per portare la droga nel carcere e consegnarla probabilmente a qualche detenuto. A coordinare le indagini che hanno portato all’arresto in flagranza del poliziotto penitenziario è stata la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere (procuratore Carmine Renzulli), secondo cui la somma ritrovata sarebbe il prezzo della corruzione commessa dall’agente.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Accoltellato al torace nel Napoletano: 16enne fermato per tentato omicidio

Il 20enne ancora in prognosi riservata Accoltellato al torace, 16enne fermato per tentato omicidio di un 20enne. L’episodio è avvenuto a Nola, in provincia di...

Latitante dopo la condanna in Appello: 39enne «beccato» insieme al fidato cane

Deve scontare otto anni di reclusione Si era reso irreperibile dallo scorso aprile, quando la corte di appello di Napoli aveva emesso un ordine di...