Federproprietà Napoli

Caivano, ancora minacce della camorra per don Patriciello

Pubblicità

Don Patriciello da pochi giorni è sotto scorta

Ancora una minaccia della camorra per don Maurizio Patriciello, il parroco del Parco Verde di Caivano, in provincia di Napoli. A metà marzo fu fatto esplodere un ordigno davanti al cancello, stamattina è stato ritrovato un cartello con la scritta: «Bla, bla, bla. Pe mo». Lo rende noto il senatore Sandro Ruotolo del Gruppo Misto.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Don Patriciello da pochi giorni è sotto scorta; mercoledì scorso la commissione antimafia si riunì proprio nella sua parrocchia. «Non ho mai avuto paura e continuo a non avere paura. Io faccio il parroco e continuerò a farlo» il parroco commenta così il ritrovamento del cartello. «I carabinieri stanno cercando di interpretare il senso di questo messaggio – dice all’ANSA mentre si sta recando proprio in caserma – di certo è un cartello che arriva dopo il mio incontro di ieri con il ministro Lamorgese, dopo la visita qui dell’Antimafia».

«L’ennesima minaccia. Davanti alla stessa chiesa dove poche notti fa avevano fatto esplodere un ordigno. “Bla, bla, bla. Pe mo”. ‘Pe mo’, vuol dire per ora. Cioè fino ad oggi abbiamo scherzato. Loro non demordono ma neanche noi. Loro continuano a sfidarci. Lanciano i loro messaggi e oggi volevano essere certi che il vento non portasse via il cartello, avendolo legato al cancello con il fil di ferro. Come comitato di liberazione abbiamo acceso i riflettori e chiesto allo Stato di fare la sua parte» afferma Ruotolo.

«Padre Maurizio Patriciello da ieri vive protetto dallo Stato. La ministra Lamorgese ha annunciato la costituzione della compagnia dei carabinieri proprio a Caivano. Noi siamo soddisfatti ma diciamo anche che non basta. Se è vero che la questione criminale a Napoli è un’emergenza nazionale diventa prioritaria la lotta ai clan dell’area Nord di Napoli. Abbiamo una serie di richieste. Chiediamo alle istituzioni di confrontarsi con noi. Verrà il giorno in cui cacceremo la camorra dai nostri territori. Chi non è contro la camorra è complice della camorra» conclude.

Leggi anche:  Neonata ricoverata per emorragia cerebrale risulta positiva alla cocaina
Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Ponte sullo Stretto. Collegare la Sicilia alla Calabria e al continente europeo è una priorità

Si torna a parlare, in modo sempre più insistente, delle modalità di collegamento della regione Sicilia con il continente europeo. L’attraversamento dello Stretto di...

Conte si è rinchiuso nel ‘Castello Chigi’. Oltre 10 giorni di silenzio, segno che la paura che tutto crolli è alta

E’ da almeno una decina di giorni che Giuseppe Conte non si prende tutta la scena. Più o meno dall’intervista a Il Fatto Quotidiano...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook