Federproprietà Napoli

Ercolano, traffico illecito di rifiuti tessili: denunciata 39enne | Video

Pubblicità

Sottoposto a sequestro un locale di circa 110 metri quadrati e oltre 3 tonnellate di rifiuti tessili non sanificati

Un traffico illecito di rifiuti tessili destinati al Centro Nord è stato scoperto dagli uomini del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli. I militari hanno individuato un’illecita attività di recupero e trattamento di rifiuti tessili usati, privi di igienizzazione e sanificazione. Le Fiamme Gialle della compagnia di Portici hanno sottoposto a sequestro nel Comune di Ercolano un locale di circa 110 metri quadrati, oltre 3 tonnellate di rifiuti tessili non sanificati, scarti di lavorazione e varie attrezzature da lavoro per rigenerare capi di abbigliamento.

Pubblicità Federproprietà Napoli

La scoperta dei finanzieri è avvenuta durante i quotidiani controlli anticovid, presso un opificio utilizzato come attività di commercio all’ingrosso, recupero e trattamento di rifiuti tessili di seconda mano, privi di igienizzazione e sanificazione. In particolare, è stato riscontrato che la titolare di un ingrosso di abbigliamento e accessori riconfezionava e imbustava con nuova etichetta i beni commercializzandoli come nuovi nelle ‘piazze’ di Roma e Milano. La responsabile, una 39enne di Ercolano, è stata denunciata per frode in commercio e per violazioni al Testo Unico sull’Ambiente.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Tajani alla Meloni: «Leader è chi allarga il centrodestra. Senza Forza Italia non si vince»

Il vicepresidente degli azzurri a Napoli per presentare la convention del partito Botta e risposta a distanza tra Giorgia Meloni e Antonio Tajani. Oggetto del...

Palpeggia moglie di un 21enne e scoppia rissa con pietre e bastoni

I carabinieri hanno fermato e arrestato 4 persone Una rissa a colpi di pietra e bastoni. Una lite furiosa nata, secondo quando ricostruito dai militari...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook