Federproprietà Napoli

Casavatore, rapina con kalashnikov in pizzeria: fermata la banda | Video

Pubblicità

Nel giro di pochi giorni avevano organizzato diverse ulterori rapine, tutte sventate grazie alla massiccia presenza di miliari dell’Arma sul territorio

Sono stati individuati e fermati dai carabinieri i presunti responsabili della rapina avvenuta il 9 ottobre scorso al ristorante ‘Un posto al sole’ di Casavatore, comune a Nord di Napoli. Il provvedimento di fermo è scattato scattato per tre persone nell’ambito delle indagini condotte dai procura di Napoli Nord che, come riferisce una nota firmata dal procuratore Maria Cristina Troncone, «hanno consetito di accertare l’esistenza di una vera e propria organizzazione stabile dedita alla commissione di rapine anche mediante l’uso di armi da guerra».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Gli arresti sono stati eseguiti dai carabinieri della compagnia di Casoria e della stazione di Casavatore. Le accuse contestate dagli inquirenti sono associazione a delinquere finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di rapine aggravate, rapina consumata e svariate tentate rapine. Secondo la ricostruzione degli inquirenti della procura di Napoli Nord, i tre fermati «nel giro di pochi giorni avevano organizzato diverse ulterori rapine, tutte sventate grazie alla massiccia presenza di personale dell’Arma dei carabinieri sul territorio»

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Torre Annunziata, nasce ‘Cives Inter Pares’: associazione per un dialogo costruttivo

Si è costituita a Torre Annunziata, in provincia di Napoli, l’associazione di promozione sociale 'Cives Inter Pares Aps'. Il nome scelto tradotto dal latino...

Napoli, involtini di carne farciti di droga per i detenuti di Poggioreale: 7 arresti

Gli involtini di carne, che venivano inviati ad alcuni detenuti, erano farciti con bustine di hashish invece che con formaggio e prosciutto. E' quanto...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter