Federproprietà Napoli

Camorra, sequestro da mezzo milione per imprenditori legati ai Polverino

Pubblicità

A giugno 2020 vennero sequestrati beni per 10 milioni tra cui due ville da dodici vani complessivi, due garage e un immobile adibito a scuola

La direzione investigativa antimafia di Napoli ha sequestrato beni per mezzo milione di euro a due imprenditori di Marano (Napoli) già condannati per associazione di stampo mafioso, ritenuti legati al clan Polverino.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il decreto di sequestro agli imprenditori edili a cui il primo giugno 2020 vennero sequestrati beni per 10 milioni, tra cui due ville da dodici vani complessivi, due garage ed un magazzino-deposito di via Marano Quarto, sei locali commerciali in via San Rocco, un magazzino deposito in via della Recca, tre appezzamenti di terreno delle dimensioni complessive di 39.220 metri quadrati e un immobile adibito a scuola in via Caracciolo.

Questa volta i sigilli, apposti dalla DIA lo scorso settembre, riguardano somme di denaro, suddivise in fondi di investimento, azioni, conti correnti e quote intestate ai due imprenditori, beni accumulati tra il 1990 e il 2008, periodo durante il quale hanno partecipato, secondo le sentenze passate in giudicato, alle attività illecite del clan.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Campania, Saiello (M5S): «Contrastare la penetrazione delle mafie nei comparti in crisi»

«La rabbia sociale, sfociata nelle manifestazioni di piazza degli ultimi giorni, impone che la protezione della salute sia accompagnata dal rafforzamento delle azioni per...

Di Scala e Muro aderiscono a Fratelli d’Italia, domani la presentazione

Conferenza stampa presso il Gran Hotel Terme di Augusto di Lacco Ameno Si terrà domani, sabato 28 agosto, alle ore 11, presso il Gran Hotel...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook