Napoli, escluse le liste di Catello Maresca: «Faremo valere i nostri diritti»

Saltano ‘Catello Maresca’ e ‘Catello Maresca sindaco’, il candidato del centrodestra ha informato i giornalisti di aver ricevuto la notifica

È ufficiale, brutto colpo per il candidato sindaco Catello Maresca che si è visto escludere le sue due liste di riferimento ‘Catello Maresca’ e ‘Catello Maresca sindaco’. Sarebbero state escluse, secondo quanto trapelato fino ad ora, per la mancanza di alcuni documenti.

Pubblicità

Il candidato del centrodestra non si perde d’animo e annuncia ricorso. «Non me lo aspettavo, pensavo prevalesse la ragionevolezza e la logica» ha affermato. «Noi eravamo dentro con una parte della documentazione, i coadiutori stavano portando il resto e si vede benissimo in tutti i video pubblicati che ì ci hanno impedito di entrare a portare la documentazione integrativa. Oggi ci dicono non avete depositato la documentazione che stava giù. Stava all’interno del plesso».

LEGGI ANCHE – Anche Prima Napoli fuori dai giochi. La Lega annuncia il ricorso

Gli avvocati sono a lavoro. «Faremo valere in ogni sede i nostri diritti, crediamo che il principio di democrazia e di partecipazione, il diritto dei nostri candidati e dei cittadini di esprimersi liberamente e di scegliere i propri candidati sia un diritto assoluto che prevale anche su questi formalismi che sanno di un diritto ormai desueto. Noi siamo sicuri che la sostanza, quello che conta, l’abbiamo fatto fino in fondo».

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Che poi nella ressa, che si vede chiaramente, sia stato impedito di completare la procedura non deve e non può essere addebitato a noi. Andiamo avanti e non cambierà a prescindere. Il nostro progetto per Napoli si basa su radici profondi voglia passione e partecipazione. Speriamo di farlo nelle migliori condizioni possibili» conclude Maresca.

Oltre alle due liste di riferimento, è stata esclusa anche la lista espressione della Lega, Prima Napoli. Stante la notifica, con l’esclusione delle due liste saltano le candidature a consiglieri, fra gli altri, di Pietro Diodato, Roberto Ionta, Daniela Villani, Gianluca Muscettola, Claudio Salvia, Roberto Cuciniello e Giuliana Covella.

Setaro

Altri servizi

Castellammare di Stabia, agguato tra la folla: un fermato per tentato omicidio

La fuga dell’uomo durata pochi giorni. Il 54enne centrato da un solo proiettile perché l’arma si era inceppata Ferito al petto con un colpo di...

Condannata la sorella del boss Matteo Messina Denaro: gestiva cassa e pizzini

A casa sua fu trovato il diario sanitario del boss Ha scelto di non ascoltare la lettura del verdetto: 14 anni di carcere per associazione...