Federproprietà Napoli

Napoli, Maria Licciardi resta in carcere: convalidato il fermo

Pubblicità

Il legale: «Non abbiamo avuto tempo sufficiente per leggere il corposo fascicolo che siamo riusciti ad acquisire solo ieri»

Il giudice per le indagini preliminari di Roma Valerio Savio ha deciso: Maria Licciardi resterà in cella. Il gip ha convalidato il fermo, eseguito sabato scorso a Ciampino, emesso dalla Procura di Napoli che ipotizza nei suoi confronti i reati (tutti aggravati dalla finalità mafiose) di associazione a delinquere di tipo camorristico, estorsione, ricettazione di denaro di provenienza illecita e turbativa d’asta.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Durante l’udienza di convalida ‘Lady camorra’ si è avvalsa della facoltà di non rispondere. «Abbiamo scelto di avvalerci della facoltà di non rispondere semplicemente perché non abbiamo avuto tempo sufficiente per leggere il corposo fascicolo che siamo riusciti ad acquisire, con non poche difficoltà, solo nel primo pomeriggio di ieri» ha affermato Edoardo Cardillo, legale di Maria Licciardi che si trova detenuta nel carcere romano di Rebibbia.

«Ritengo insussistente, quasi una forzatura, il pericolo di fuga basato esclusivamente sulla circostanza che la signora Licciardi non è stata trovata in possesso di un biglietto di ritorno in Italia» ha spiegato ancora Cardillo.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Disabilità, Nicosia (Ides): «Un mondo sempre più in difficoltà causa Covid-19, ma le istituzioni blaterano e non agiscono»

Maurizio Nicosia, responsabile organizzativo affari interni del movimento IDES (Identità Siciliana), esperto e conoscitore dei temi che riguardano la disabilità, interviene sui contenuti che...

Una missiva con proiettili recapitata a Matteo Renzi

Una busta con due proiettili è stata recapitata al leader di Italia Viva Matteo Renzi presso Palazzo Madama. Tante le manifestazioni di solidarietà all'ex...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Twitter

Facebook