Federproprietà Napoli

Napoli, caos vaccini alla Mostra e Gimbe smaschera De Luca: Regione in ritardo per gli over 80. Schifone: «Commissariare l’Asl»

Pubblicità

«Abbiamo inaugurato un hub vaccinale enorme, bellissimo». Si ascolta ancora l’eco delle parole pronunciate ieri dal presidente della Regione Campania De Luca a proposito dell’inaugurazione a Capodichino nell’hangar Atitech.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Parole che sembrano una beffa guardando le immagini che ancora oggi, per l’ennesima volta, arrivano dalla Mostra d’Oltremare di Napoli. Immagini che riprendono centinaia e centinaia di anziani e persone in fila per ore, al freddo o al caldo a seconda della situazione meteo, in attesa di poter ricevere il vaccino anti covid-19.

Una situazione che ormai si ripete da mesi e che l’Asl Napoli 1 e la Regione Campania non riescono a risolvere. Tra uno scaricabarile e l’altro (come dimenticare le parole di Verdoliva e De Luca che attribuivano la colpa del caos ai saltafila, ai furbetti, ai cittadini aventi diritto ma indisciplinati, alle cavallette e al maltempo) effettuare la vaccinazione alla Fiera di Napoli sembra sempre più una corsa a ostacoli o di resistenza.

Peccato però che i ‘concorrenti’ spesso e volentieri sono persone in età avanzata e cosiddetti ‘fragili’ costretti a passare in piedi ore e ore di interminabile attesa.

Pubblicità

Come se non bastasse, si sono registrati anche insulti e minacce ai medici da parte di sessantenni che pretendevano di essere vaccinati con Pfizer o Moderna, e non con AstraZeneca. «Per evitare che la situazione potesse degenerare – fanno sapere dall’Asl -, visti gli insulti e le minacce verbali agli operatori sanitari, il direttore generale Verdoliva ha chiesto un intervento delle forze di polizia, peraltro già presenti, al fine di sedare le proteste».

Ma la campagna vaccinale secondo il presidente campano procede, nonostante le mancanze del governo di Roma, a vele spiegate. Già il 21 aprile scorso, infatti, da Palazzo Santa Lucia si affrettavano a far sapere che è stata completata la somministrazione del vaccino anti Covid-19 al 100% degli ultra ottantenni deambulanti registrati in piattaforma. Notizia smentita dagli ultimi dati pubblicati a tal proproposito.

Leggi anche:  De Magistris non fa miracoli nemmeno per San Gennaro. Schifone (FdI): «Il Comune paghi i debiti verso la Deputazione»
Leggi anche:  Migranti, la senatoria flop della Bellanova delude anche i richiedenti: 207 mila persone in attesa di risposte da mesi

Dal sito di Gimbe si evince infatti che la Regione è tra le ultime in Italia in questa triste classifica, solo il 62,5% della popolazione ultra 80enne ha completato il ciclo vaccinale e il 15,6% ha ricevuto solo la prima dose. In totale il 78,1% degli 80enni ha ricevuto almeno una dose di vaccino.

Una campagna vaccinale che, mentre lo Sceriffo continua a definirla in termini ottimistici, lascia sempre più perplessi addetti ai lavori e non. «Centinaia di persone in fila all’aperto alla Mostra d’Oltremare in attesa della vaccinazione» ha denunciato l’onorevole Luciano Schifone, dirigente nazionale di Fratelli d’Italia e già assessore regionale.

Luciano Schifone

«Già da giorni in tilt il sistema che funziona in tutta Italia tranne che a Napoli. Dopo il flop delle vaccinazioni agli ottantenni che vedono la campania al 19esimo posto ora si aggiunge anche il caos sulle convocazioni e sul flusso incontrollato».

«L’Asl 1 è assolutamente fuori controllo ed è necessario che il Prefetto nomini un Commissario straordinario sulle vaccinazioni, altrimenti si corre il rischio di aumento del contagio nella città con la maggiore densità abitativa d’Italia» conclude Schifone.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Puglia. FdI: «Regione intervenga su commercio ambulante e giostrai. Allungamento stato emergenza ha riaperto ferite»

«Era prevedibile che la proroga al 15 ottobre dello stato di emergenza, voluto dal Governo e su cui Fratelli d’Italia si è fermamente opposta,...

Covid-19, FdI: «Regione Basilicata chieda l’utilizzo del vaccino Sputnik»

«Per evitare il rischio di far slittare a catena tutta la programmazione delle autorità sanitarie nazionali a causa della insufficiente produzione delle grandi multinazionali...

Ultime notizie

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook alla pagina ufficiale