Federproprietà Napoli

Da produzione industriale segnali di ripresa ma serve un lockdown alle tasse

Pubblicità

A febbraio 2021 l’Istat stima che l’indice della produzione industriale aumenti dello 0,2% rispetto a gennaio. Nella media del trimestre dicembre-febbraio il livello della produzione cresce dello 0,6% rispetto ai tre mesi precedenti. Scende invece dello 0,6% se confrontato su base annua.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Dati non certo esaltanti, ma poteva andare peggio. La caduta annua era scontata e inevitabile, visto che febbraio 2020 è l’ultimo mese pre-lockdown e, dunque, pre-crisi, ma è contenuta. Bene invece che ci sia un rialzo su gennaio, anche se certo è appena sopra lo zero. Insomma, finisce con un pareggio fuori casa» afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

I settori di attività economica che registrano i maggiori incrementi tendenziali sono la fabbricazione di apparecchiature elettriche (+8,5%), la fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica (+4,6%) e la fabbricazione di prodotti chimici (+3,5%). Viceversa, le flessioni maggiori si registrano nella fabbricazione di prodotti petroliferi raffinati oltre che nelle industrie tessili, abbigliamento.

I dati sulla produzione industriale non riescono a migliorare il quadro complessivamente offerto dall’Istituto di Statistica Nazionale in merito all’indagine sulla competitività del sistema produttivo del Paese, che è rappresentato in special modo dalle piccole imprese.

Pubblicità

Quasi il 60 per cento delle realtà imprenditoriali con meno di 50 addetti ha segnalato di essere ad alto rischio: gli effetti di questa situazione sarebbero collegati per il 58,1% a problemi di liquidità e per il 34,1%  alla caduta della domanda interna. Le difficoltà delle piccole imprese sono presenti in tutti i settori produttivi, ma risultano relativamente più diffuse nella ristorazione e nella filiera del turismo.

L’Osservatorio sui Bilanci 2019 del Consiglio e della Fondazione Nazionale dei Commercialisti ha stimato perdite per 38 miliardi nel settore ristoranti e alberghi a causa dell’emergenza Covid-19. Lo studio evidenzia in particolare che le oltre 74 mila società di capitali del comparto, che occupa oltre 670 mila dipendenti, realizzerebbero complessivamente una perdita di 38,503 miliardi di euro, pari a circa la metà dell’intero settore.

Leggi anche:  Latitante del clan della «167» arrestato da carabinieri travestiti da bagnanti

Numeri che offrono una rappresentazione statistica di quella tensione sociale, sempre più diffusa in molte categorie del lavoro autonomo, che sta riempiendo le piazze e animando i cortei di questi giorni.

«Il Governo deve abbandonare la politica dei micro aiuti attuata fino adesso, sostituendola con misure straordinarie – riporta la nota della CGIA di Mestre. È necessario, ad esempio, “applicare” per l’anno in corso il lockdown alle tasse erariali».

L’Ufficio Studi dell’Associazione degli Artigiani e Piccole Imprese di Mestre propone un intervento di 80 miliardi aggiuntivi di sostegni alle piccole imprese. Di questi circa 30 miliardi sarebbero necessari per dare efficacia a quel lockdown alle tasse erariali che consentirebbe, alle 4,9 milioni d’imprese che hanno subito un calo di fatturato rispetto al 2019, di non versare l’Irpef, l’ires e l’Imu sui capannoni.

E per concretizzare quanto dichiarato dal Premier Draghi nelle scorse settimane, «questo è un anno in cui non si chiedono soldi, ma si danno», la nota della CGIA ha stimato che occorrono ulteriori 50 miliardi per rimborsare le perdite subite dalle aziende e per compensare anche una buona parte dei costi fissi sostenuti.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Napoli, via libera al piano di restauro del Complesso dei Girolamini

Restauro del Complesso dei Girolamini, previsti lavori per un importo di circa 5.700.000 euro La Giunta comunale di Napoli, su proposta del Vicesindaco Carmine Piscopo,...

Le nozze diventano una lunga rata: boom di prestiti per sposarsi

Aumentano le richieste di mutuo per il matrimonio Cento milioni di euro per sposarsi. A tanto ammontano i finanziamenti erogati nei primi tre mesi del...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook