Federproprietà Napoli

Minacca con la pistola un passante per fargli indossare la mascherina, 63enne denunciato

Pubblicità

Scene di ordinaria follia ieri sera quando un uomo ha puntato la pistola contro un passante reo di non indossare la mascherina anti Covid. È accaduto a Bologna, in zona Mazzini dove le forze del’ordine sono intervenute per sedare una lite tra due uomini, un 50enne e un 63enne a causa del dispositivo di protezione indossato non regolarmente.

Pubblicità Federproprietà Napoli

I due, entrambi italiani che a quanto pare non si conoscevano, si sono incrociati per strada in via Protti. Il 50enne aveva la mascherina momentaneamente abbassata perché – come ha poi spiegato alla polizia – non c’era nessuno a distanza ravvicinata. Il 63enne lo ha redarguito per il suo comportamento, innescando la discussione che è poi degenerata.

Il più anziano ha estratto una pistola, che aveva addosso, e l’ha puntata contro l’altro uomo, ordinandogli di mettere la mascherina, per poi allontanarsi. E’ stato lo stesso 50enne, spaventato, a chiamare il 113. Gli agenti del commissariato Bolognina-Pontevecchio sono intervenuti e hanno riportato gli animi alla calma.

L’arma – una Remington calibro 45 carica – era regolarmente detenuta dal 63enne, ma gli è stata sequestrata insieme alle munizioni, quelle all’interno della pistola e altre trovate nella disponibilità dell’uomo, che è stato denunciato per minacce gravi e aggravate.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Una generazione senza futuro che ha perso anche il presente

In ogni parte del mondo a milioni di persone il Coronavirus ha rubato il futuro. Ma a quanti ha sottratto il presente? Cifre non...

Tra Bonomi e Conte è ancora gelo: «Lo Stato ci dia 3,4 miliardi di accise sull’energia», «Voliamo alto»

Bonomi: lo Stato rispetti sentenza Cassazione, restituisca i soldi alle imprese «Lo Stato ci dia 3,4 miliardi di accise sull'energia impropriamente pagate dalle imprese e...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook