Reggio Calabria, coniugi uccisi a colpi di fucile: fermato 65enne

Pubblicità

C’è un arrestato, Francesco Barillà, di 65 anni, per il duplice omicidio, avvenuto il 9 dicembre scorso a Calanna, in provincia di Reggio Calabria, nel quale vennero uccisi i coniugi Giuseppe Cotroneo, di 58 anni, e Francesca Musolino di 51.

Pubblicità

Un’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal gip del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri, dell’aggiunto Gerardo Dominijanni e del sostituto Flavia Modica.

L’arresto è stato eseguito stamattina all’alba dai carabinieri della compagnia di Villa San Giovanni e del comando provinciale.  Al termine delle indagini, in manette è finito Barillà, parente della coppia, proprietario di un terreno confinante con quello di Cotroneo e Musolino. La coppia, da subito, era apparsa lontana dagli ambienti criminali della zona.

Marito e moglie vennero uccisi a colpi di fucile mentre raccoglievano le olive. Dalle prime indiscrezioni, sembrerebbe proprio legato a dissidi sulla proprietà del terreno il possibile movente del duplice omicidio avvenuto in un momento in cui il figlio delle vittime si era allontanato dal terreno dove stavano lavorando i genitori.

Pubblicità

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità

Altri servizi

Silvio Berlusconi ricoverato all’ospedale San Raffaele

L'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, dopo la comparsa di alcuni sintomi, è stato ricoverato, intorno alla mezzanotte di ieri, all’ospedale San Raffale di...

Cultura, nella Biblioteca Nazionale di Roma è nato il fondo ‘Pino Rauti’

«In qualità di erede Rauti e presidente del "Centro Studi Pino Rauti" sono particolarmente orgogliosa di annunciare la nascita del fondo 'Pino Rauti', presso...

Gli articoli più letti

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook