Superbonus, de Bertoldi (FdI): «Non sia lo specchietto delle allodole di una maggioranza litigiosa»

«Speriamo che il superbonus 110% non sia lo specchietto delle allodole di un provvedimento di alto impatto mediatico, e certamente utile alla ripresa economica del paese, ma che la maggioranza non avrebbe la reale intenzione di far decollare, come dimostrano le liti interne in merito alla utilizzabilità dei crediti di imposta ed alla durata della misura stessa».

Pubblicità

Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia e capogruppo in Commissione bicamerale di vigilanza sulla anagrafe tributaria Andrea de Bertoldi, in occasione della presentazione della relazione approvata dalla Commissione in merito all’applicazione delle misure fiscali per la riqualificazione energetica e sismica.

«Mi auguro quindi – continua – che il governo dimostri la tanto proclamata volontà di collaborazione con le forze parlamentari, iniziando ad ascoltare ed a seguire i suggerimenti che la Commissione bicamerale di vigilanza sull’anagrafe tributaria sta fornendo con la relazione, che è stata unitariamente condivisa dai commissari di tutte le forze politiche».

Pubblicità Federproprietà Napoli

In particolare «ho espresso, quale capogruppo di Fratelli d’Italia, la necessità di una forte semplificazione della normativa, che risulta oltremodo complessa e spesso di dubbia interpretazione, nonché la proroga dei termini almeno fino alla fine del 2023».

«Ho ricordato quindi che tra i contributi forniti alla relazione da Fratelli d’Italia insiste la necessità di sviluppare e liberalizzare la circolazione dei crediti d’imposta, anche attraverso una piattaforma digitale, che permetterebbe una rapida circolazione della moneta fiscale.  Ritengo infine che vada considerato quale successo di Fratelli d’Italia l’approvazione in sede ddl ristori di un emendamento, che ha reso obbligatorio l’equo compenso per i professionisti impegnati nelle pratiche e nella procedura del super bonus 110%, e ringrazio il Presidente di Rtp, Rete professioni tecniche, Zambrano, per il riconoscimento tributato», conclude de Bertoldi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Camorra, chiesti 259 anni per esponenti del clan Cacciapuoti-Ferrara

Le pene richieste vanno dai 3 ai 20 anni per presunti vertici Ben 259 anni di carcere sono stati chiesti dalla DDA di Napoli nel...

Poliziotto ucciso, indagato libero perché si è «riabilitato»

Per i giudici il quadro indiziario resta solido L’impianto indiziario è solido ma, nel corso di questi 36 anni, si è reso protagonista di un...