Ristori quater, ancora esclusa la Penitenziaria. Cirielli (FdI): «E’ inaccettabile»

Il testo definitivo del nuovo decreto Ristori quater è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 30 novembre 2020. E non mancano le polemiche per quanto concerne il corpo di polizia penitenziaria abbandonato ancora a se stesso e sul quale il ministro Bonafede non riesce a dare risposte concrete.

Pubblicità

Sono circa 62 i milioni stanziati nel decreto che, tra le tante misure introdotte prevede la proroga delle imposte e l’introduzione del nuovo bonus di 800 euro e 1000 euro a favore dei lavoratori del settore sportivo, dello spettacolo e del turismo.

Ciò che lascia discutere, però, è la totale indifferenza del Governo nei confronti della Penitenziaria che da anni soffre la carenza di personale ed è da troppo tempo in balìa di numerose aggressioni all’interno degli ambienti di lavoro, divenuti molto pericolosi.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«E’ inaccettabile che nei 62 milioni di euro del Decreto Ristori quater le forze di polizia, non sia stato previsto nemmeno un euro per gli agenti penitenziari che ogni giorno, nonostante la grave riduzione del personale derivante dai tagli statali e ora anche dalla diffusione del Covid nelle carceri, svolgono il loro lavoro con abnegazione ed enormi sacrifici», ha spiegato il deputato di Fratelli d’Italia Edmondo Cirielli sempre in prima linea sugli interventi da attuare a favore del Corpo di Polizia Penitenziaria.

«Bonafede – continua Cirielli- ponga subito rimedio a questo errore ed ascolti una buona volta le richieste che giungono dalle sigle sindacali del Corpo, che da tempo reclamano un incremento di organico, dispositivi e procedure di protezione individuale all’avanguardia».

Anche il sindacato Sinappe, impegnato per garantire i diritti dei poliziotti penitenziari, si vede costretto a denunciare l’ennesima disattenzione da parte del Governo e del Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. In una nota, infatti, lancia un appello all’esecutivo affinché si possa rettificare in fase di conversione in legge, il grave ammanco perpetrato nei confronti degli operatori in divisa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Setaro

Altri servizi

Braccianti presi a cinghiate e senza cure mediche: misura cautelare per 4 imprenditori

Sono accusati di sfruttamento del lavoro e impiego di manodopera clandestina Non c’erano diritti, neanche i più basilari, per i braccianti agricoli stranieri impiegati nella...

«Gli Dei ritornano» al Mann: a Napoli le scoperte di San Casciano

L'esposizione durerà fino al 30 giugno prossimo Tra Etruschi e Romani, attraverso i secoli, alla scoperta dei misteri nelle acque calde nel territorio dell’antica città-stato...