Camorra, omicidio del fratello del boss ad Acerra: arrestati i presunti killer

Cinque mesi dopo l’omicidio di Pasquale Tortora, 55enne fratello del boss Domenico e considerato esponente apicale dell’omonimo clan di Acerra (Napoli), due persone sono finite in manette. I carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna hanno notificato l’ordinanza di custodia cautelare del Gip di Napoli, su richiesta della DDA, a un 29enne di Qualiano e un 34enne di Marano di Napoli accusati di omicidio volontario, porto e detenzione illegale di arma da fuoco e ricettazione, reati aggravati da modalità e finalità mafiose.

Pubblicità

Tortora era stato ucciso con una pistola di grosso calibro in via Calzolaio ad Acerra (Napoli), lo scorso 20 maggio. Alle indagini ha preso parte anche il Ris di Roma. Determinanti per l’identificazione dei killer sono state le immagini della videosorveglianza e il flusso dei contatti telefonici, analizzato con un software specificamente progettato.

L’arma usata, una pistola di grosso calibro rubata diversi anni fa nel Salernitano, è stata recuperata insieme alla vettura con la quale il commando si è spostato, anche questa rubata, a fine 2019, in un paese nella zona di Napoli. Il 29enne era già stato arrestato, lo scorso 21 giugno per il possesso di un’altra un’arma risultata rubata.

Pubblicità Federproprietà Napoli

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Ricoverato in gravi condizioni dopo un incidente: addio a un giovane arbitro

Fabio Buoninsegni è deceduto dopo qualche giorno di agonia Era rimasto vittima di un incidente stradale mentre tornava a casa. Il giovane arbitro di calcio...

Ucciso a colpi di fucile: 60enne deceduto sui Monti Lattari

È stato accompagnato in ospedale dal figlio Ucciso dai proiettili di un fucile. Così sarebbe morto, Ciro Gargiulo, un pregiudicato di 60 anni, accompagnato dal...