Federproprietà Napoli

Popolare di Bari, de Bertoldi (FdI): «Si faccia luce sui rapporti con il CSM»

«Non solo il governo, nella persona dei ministri Gualtieri e Bonafede, ma anche la Commissione d’inchiesta sul sistema bancario e finanziario devono fare luce sui rapporti tra Consiglio Superiore della Magistratura e Banca Popolare di Bari che hanno portato recentemente a scoprire che il Csm nell’agosto del 2015 ha affidato alla Banca, salvata dal fallimento lo scorso dicembre, il proprio servizio di tesoreria». A chiederlo è il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi, capogruppo di FdI nella Commissione d’inchiesta sul sistema bancario, che ha inviato sia un’interrogazione ai ministri dell’Economia e della Giustizia e sia una lettera alla presidente della Commissione Banche, Carla Ruocco.

«Su questo affidamento – spiega il senatore di FdI – ritengo che ci siano troppe ombre, a cominciare dal fatto che il Csm non è mai stato assoggettato alla tesoreria unica e si è sempre avvalso per tale necessità, di un istituto di credito privato. Senza contare che il Csm ha deliberato in piena estate, a Ferragosto, in tempi rapidissimi e attraverso un avviso di gara pubblicato sulla G.U. nel quale si concedevano solo otto giorni, a partire proprio dal 14 agosto, per gli istituti di credito intenzionati a parteciparvi e che, inoltre, avrebbero dovuto gestire un patrimonio notevole di oltre cento milioni di euro».

«Ma quello che lascia sconcerti, continua il senatore de Bertoldi, sono due aspetti: i requisiti previsti dal bando anziché essere basati sulla solidità bancaria, come del resto impongono i regolamenti comunitari, erano invece legati soltanto all’offerta più economicamente vantaggiosa; e un convegno organizzato a Pescara, sponsorizzato proprio dall’istituto di credito pugliese, e organizzato dall’Associazione Nazionale dei Magistrati, più specificatamente l’area nota con il nome Area Democratica, riconducibile alla corrente di sinistra dell’Anm».

«Inoltre, emergerebbero anche gravi carenze sul piano dell’attività di vigilanza e degli organismi di controllo, in merito ai profili esercitati dalla Banca d’Italia, visto che non è mai intervenuta nonostante gli accertamenti e le segnalazioni avvenute nel corso degli anni».

Pubblicità

«Per questa ragione ritengo doveroso che i ministri Gualtieri e Bonafede chiariscano i contorni di questa vicenda, ma soprattutto che la Commissione d’inchiesta Banche oltre ad acquisire gli atti della Banca Popolare di Bari, in relazione all’attività di sponsorizzazione effettuata con l’ANM o con altri soggetti istituzionali, preveda un’audizione dei rappresentanti dell’istituto di credito barese e della Banca d’Italia, in relazione alle varie criticità che emergerebbero da questa vicenda», conclude il senatore de Bertoldi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità

Altri servizi

Raffaele Cutolo trasferito in ospedale, peggiorano le condizioni dell’ex boss Nco

Il fondatore della Nuova Camorra Organizzata, Raffaele Cutolo, 78 anni da giovedì è stato trasferito dal carcere di Parma in ospedale, a quanto pare...

Il piano economico europeo rimette in moto la riforma federalista dell’Ue

Lo scorso 21 luglio il vertice europeo ha partorito nel dolore un piano economico tragi-comico per rispondere alle conseguenze disastrose dovute in gran parte...

Gli articoli più letti

Paolo Anania De Luca: «Il patriota-scienziato che onorò l’Irpinia» e il Sud

Una leggera brezza rendeva la nostra mattinata di lavoro meno pesante del solito. Le temperature estive infatti, sono sempre le più ardue da sopportare...

Coronavirus, atterrato a Fiumicino il volo dalla Cina con medici e forniture sanitarie

E' atterrato ieri, in tarda serata, il volo dalla Cina che ha portato in Italia medici, aiuti e forniture mediche contro il Coronavirus. «Quasi...

Camera e Senato online per evitare il Coronavirus? No, il Parlamento non è il televoto

E’ emergenza lavori parlamentari Lo abbiamo scritto proprio su questo giornale, al di là dell’emergenza sanitaria da Coronavirus e di quella economica, a cui il...

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook