Federproprietà Napoli

Strangola la moglie e simula il suicidio, 63enne arrestato nel Napoletano

Ha ucciso la moglie, strangolandola, e ha cercato di far credere che la donna fosse morta, invece, suicida. E’ quanto è stato scoperto in seguito alle indagini del carabinieri di Giugliano, coordinati dalla Procura di Napoli Nord, in merito alla morte di una donna lo scorso 12 luglio nel Napoletano, a Lago Patria. Per questo motivo un 63enne, domiciliato in Giugliano in Campania, è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

L’indagato aveva allertato i carabinieri e il 118 asserendo che al suo risveglio aveva trovato la moglie, priva di vita, impiccata al cordino delle tende, nel salotto della loro abitazione. Fin dal sopralluogo però sono emersi dubbi sulla sua versione. Secondo gli inquirenti il cordino che sarebbe stato utilizzato per commettere il suicidio era del tutto inadeguato a sostenere il peso del corpo della donna.

Dalle indagini sono emersi elementi significativi di un’accesa pregressa conflittualità fra i due, dovuta a dissidi economici connessi alla gestione di un centro medico. L‘esame autoptico ha confermato che la causa del decesso non era da individuarsi nell’impiccagione, quanto, piuttosto, nello strangolamento preceduto da colluttazione.

L’arrestato è indagato anche per aver cagionato lesioni personali gravi ad una donna, medico del 118, intervenuta sul luogo dell’evento, responsabile, agli occhi dell’uomo di non aver sottoposto, alcuni giorni prima, a TSO la moglie, pur avendo la stessa, sempre secondo il resoconto interessato del marito, manifestato segni di squilibrio mentale.

Pubblicità

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità

Altri servizi

Fisco, De Lise: «Da settimane l’Agenzia delle Entrate risulta ‘irraggiungibile’. Si ponga rimedio»

«Da ogni parte d'Italia ci arrivano centinaia di segnalazioni di colleghi inviperiti perché gli uffici territoriali dell'Agenzia delle Entrate non rispondono da giorni alle...

Coronavirus, dimessa paziente curata con il Tocilizumab: è la prima che torna a casa

Una delle pazienti affette da Coronavirus e trattate con il Tocilizumab all'ospedale Cotugno di Napoli è guarita ed è tornata a casa. Ne dà...

Gli articoli più letti

Paolo Anania De Luca: «Il patriota-scienziato che onorò l’Irpinia» e il Sud

Una leggera brezza rendeva la nostra mattinata di lavoro meno pesante del solito. Le temperature estive infatti, sono sempre le più ardue da sopportare...

Coronavirus, atterrato a Fiumicino il volo dalla Cina con medici e forniture sanitarie

E' atterrato ieri, in tarda serata, il volo dalla Cina che ha portato in Italia medici, aiuti e forniture mediche contro il Coronavirus. «Quasi...

Camera e Senato online per evitare il Coronavirus? No, il Parlamento non è il televoto

E’ emergenza lavori parlamentari Lo abbiamo scritto proprio su questo giornale, al di là dell’emergenza sanitaria da Coronavirus e di quella economica, a cui il...

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook