Federproprietà Napoli

‘Il ritorno al Futuro’ della Fondazione Banco di Napoli: «Terzo settore e politiche di welfare; inclusione ed economia sociale per la ripresa»

Pubblicità

Con un dibattito – alla luce della condizione sociale della Campania attuale, e tanto più dopo il lockdown post coronavirus – su una delle questioni più significative che attanagliano il Paese: “Terzo settore e politiche di welfare: inclusione ed economia sociale per la ripresa”, si è conclusa prima della pausa estiva la rassegna ‘Ritorno al futuro’ voluta dalla Fondazione Banco di Napoli, presieduta da Rossella Paliotto, e dall’Associazione Amici della Fondazione, guidata dal Magistrato Alfredo Guardiano.

Pubblicità Federproprietà Napoli

L’incontro, nel corso del quale cui sono intevenuti anche: Anna Maria Candela, coordinatore generale della Fondazione Banco di Napoli; Melicia Combierati, portavoce della Rete Alleanza contro la Povertà per la Campania; Lucia Fortini, Assessore Regionale all’Istruzione, alle Politiche Giovanili e alle Politiche Sociali; Francesco Girardi, direttore LESS, Coop. Sociale; Marco Rossi, comunità di Sant’Egidio; Giovanni Minucci, Il Tulipano Onlus e Vincenzo De Luca, Presidente della Giunta Regionale della Campania. Il dibattito è stato moderato da Enzo D’Errico, giornalista e direttore del Corriere del Mezzogiorno.

E’ stato dedicato alle sfide che il sistema dell’economia sociale e dell’offerta di servizi sociali alle persone e alle famiglia dovrà affrontare nel prossimo quinquennio nella consapevolezza che una società vitale ed attenta ai bisogni dei più deboli – soprattutto in una regione come la Campania in cui il  rischio povertà ed esclusione sociale investe – nonostante gli sforzi, i sacrifici ed i miracoli vantati nel corso del proprio intervento dal Presidente della Giunta Regionale, Vincenzo De Luca – oltre la metà della popolazione (il 53,6%) con una crescita significativa rispetto al 2017 (era il 46,3%) e il dato peggiore dal 2004.

Tutti però sono consapevoli che Napoli è distante e disattenta ai bisogni, alle necessità ed alle urgenze di disabili e diversamente abili. Dal momento che una società può dirsi ed essere considerata, davvero, civile, nella misura in cui è capace di garantire il migliore stato sociale possibile e, quindi, il maggiore benessere ai propri cittadini. Senza perdere di vista che, combattere la povertà non è solo trasferimento di risorse, ma anche, in particolare, trasferimento di dignità, verso i giovani.

Pubblicità

Da qui, la consapevolezza che «il rafforzamento delle organizzazioni del Terzo Settore e delle imprese sociali, il quadro della programmazione e delle risorse per le politiche sociali e per gli investimenti strutturali, il rafforzamento della governance per un nuovo welfare regionale e comunale in cui trovino nuovo slancio e responsabilità certe la Regione, gli Enti locali associati e le città capoluogo, e in cui sperimentare le nuove forme di collaborazione pubblico-privato che il quadro normativo più recente ha finalmente liberato: sono tutti cantieri per il consolidamento e l’innovazione delle politiche sociali in Campania e nel Mezzogiorno».

L’ennesima iniziativa nel senso della concretezza, della solidarietà e dall’amore per Napoli assunta dalla nuova fondazione da un anno a questa parte, che merita il massimo rispetto. Anche perché – pur senza fare troppo rumore – Fondazione Banco di Napoli, pensa al futuro, ma senza perdere di vista la propria tradizione identitaria, meridionale e l’amore per le proprie origini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Picchiata dal figlio del boss perché trans: indaga la Procura

È stata la stessa ragazza a denunciare l'accaduto Ha riferito alle forze dell'ordine di essere stata aggredita dal figlio del boss dopo che quest'ultimo aveva...

‘Ndrangheta, latitante da 17 anni: preso a Sant’Etienne in Francia

Edgardo Greco faceva il pizzaiolo Faceva il pizzaiolo da almeno tre anni in un locale di Sant’Etienne, dove si era stabilito dal 2014. Edgardo Greco,...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook