Federproprietà Napoli

Manifestazione congiunta al carcere di Santa Maria Capua Vetere

Pubblicità

Dopo le tensioni che si sono registrate nei giorni scorsi nelle carceri italiane riceviamo e pubblichiamo l’intervento di Domenico Ferlita che annuncia una manifestazione presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Continua la battaglia delle sigle sindacali che ormai da tempo chiedono risposte concrete al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede sulle criticità che si registrano negli istituti penitenziari italiani. Aggressioni nei confronti degli operatori di polizia, minacce, evasioni, proteste da parte dei detenuti e reati che si verificano all’interno delle sezioni; sono queste le delicate situazioni in cui versano le carceri. Motivo che spinge i sindacati a manifestare contro un Governo assente.

Dopo i recenti avvenimenti verificatisi nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, infatti, il Sinappe (Sindacato Nazionale Autonomo di Polizia Penitenziaria) ha annunciato una nuova manifestazione di protesta congiunta che si terrà domani, venerdì 19 giugno 2020 alle ore 10:00. Scopo principale della manifestazione è quello di attenzionare le forze politiche ad assumere seri provvedimenti per la tutela dei diritti dei poliziotti penitenziari, sull’aumento degli organici e sulla fornitura di strumentazione idonea per fronteggiare le continue aggressioni.

Domenico Ferlita

Pubblicità

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Coronavirus Italia, 342 nuove vittime e 14.761 positivi. Indice di positività al 4.6%

Calano i nuovi casi giornalieri di Covid-19 in Italia nelle ultime 24 ore. I contagi scoperti riportati dal ministero della Salute nel bollettino odierno...

Torre Annunziata, Ascione vara la ‘zona confusione’. Chiuse scuole e strade. Sì alla ristorazione

Il sindaco di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione, inaugura la zona 'confusione' ed emana una nuova ordinanza anti contagio che entrerà in vigore da domani...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook