Agenti aggrediti al carcere di Santa Maria Capua Vetere. Salvini: «Superato il limite, Bonafede sveglia»

Non cala la tensione al carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), dove nella notte sei agenti della polizia penitenziaria sono stati aggrediti da due detenuti extracomunitari che, dopo aver dato fuoco alla propria cella – il rogo è stato spento – sono stati portati in infermieria; durante il trasporto, i due reclusi si sono scagliati addosso ai poliziotti mettendo a soqquadro sia la sezione che l’intero corridoio.

Pubblicità

Leggi anche / Presunti pestaggi in cella, i sindacati di polizia penitenziaria proclamano stato di agitazione. Sit-in al carcere di Santa Maria Capua Vetere

Tre agenti sono finiti in ospedale per le ferite riportate: uno lamenta un trauma cranico provocato da un colpo di sgabello. Sono stati infine denunciati all’autorità giudiziaria, e della vicenda è stato informato il provveditore regionale. «Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni e dalla politica», dice l’assistente capo della penitenziaria Gaetano Napoleone.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta): prima la rivolta in carcere, senza che un delinquente sia stato punito. Poi 48 poliziotti indagati per ‘tortura’, e stanotte altre violenze e altri poliziotti feriti» è il commento di Matteo Salvini, leader della Lega. «Basta, il limite è stato superato: ministro Bonafede, sveglia»

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Camorra: indagato per favoreggiamento il fratello del boss delle cerimonie

Sabato Polese, 75 anni, avrebbe informato la famiglia Onorato delle indagini in corso Figura anche il fratello del defunto boss delle cerimonie Antonio Polese, tra...

Soldi e pranzi in cambio di favori: 3 funzionari dell’Agenzia delle Entrate

Trenta complessivamente gli indagati Soldi e pranzi al ristorante in cambio di favori su accertamenti fiscali, dichiarazioni dei redditi o successioni. Tre funzionari dell’Agenzia delle...