Svimez: «Nel 2023 il Pil al Sud cresciuto più che al Nord»

Nelle regioni meridionali la crescita è stata superiore a quella delle altre macro-aree

Non accadeva dal 2015: il Pil è cresciuto al Sud nel 2023 più che al Nord Ovest e al Nord Est mentre al Centro è in stagnazione. Lo rileva la Svimez. In particolare, nel 2023 il Pil del Paese è salito del +0,9% in decelerazione rispetto al +4% del 2022, ma comunque al di sopra della media dell’Ue (+0,4%). Nelle regioni meridionali la crescita è stata superiore a quella delle altre macro-aree: +1,3% contro +1% del Nord-Ovest, +0,9% del Nord-Est e +0,4% del Centro. Solo 9 anni fa si registrarono percentuali analoghe: il Pil al Sud era salito dell’1,4% contro il +0,6% del Centro-Nord. Altrettanto favorevole al Sud si è mostrata la dinamica occupazionale. Gli occupati nel Mezzogiorno sono aumentati del +2,6% su base annua, più che nelle altre macro-aree e a fronte di una media nazionale del +1,8%.

Pubblicità

Crescita sostenuta soprattutto dalle costruzioni

La crescita più accentuata del Pil meridionale, spiega la Svimez, è stata sostenuta soprattutto dalle costruzioni (+4,5%, quasi un punto percentuale in più della media del Centro-Nord), a fronte di una più contenuta contrazione del comparto industriale (-0,5%) e di una crescita dei servizi dell’1,8%. La dinamica del PIL è stata debole nelle regioni del Centro (+0,4%), meno della metà della media nazionale. A determinare questo risultato hanno contribuito un calo del valore aggiunto industriale più che doppio rispetto alla media nazionale (-2,6%; -1,1% il dato Italia) e una crescita dei servizi che si è fermata al +1,1% (+1,6% la media nazionale), che hanno sterilizzato la buona dinamica delle costruzioni (+6,2%).

Nel Nord-Ovest la crescita del Pil, pari all’1%, è stata condizionata dal calo del valore aggiunto industriale (-1,4%) e dalla crescita molto più contenuta della media nazionale delle costruzioni (+2,5%). Nel Nord-Est, è stata soprattutto la dinamica piatta del valore aggiunto industriale a contenere la crescita del PIL al +0,9%. I fattori climatici avversi che hanno caratterizzato gran parte dell’anno hanno penalizzato l’agricoltura. Il valore aggiunto del comparto è diminuito in tutte le ripartizioni del Paese, con l’eccezione del Nord-Ovest (+6,4% dopo la forte flessione del 2022): -6,1% nel Centro, -5,1% nel Nord-Est, -3,2% nel Mezzogiorno. Il risultato delle due macroaree è anche dovuto al diverso contributo della domanda estera.

Pubblicità Federproprietà Napoli

L’export

Al Centro-Nord, lo stallo dell’export (-0,1% sul 2022) ha privato le economie locali di un tradizionale traino nelle fasi di ripesa ciclica. Al Sud, viceversa, l’incremento delle esportazioni di merci, al netto della componente energetica, si è portato al +14,2% (+16,7% i beni strumentali; +26,1% i beni non durevoli). La congiuntura del 2023 si colloca nella fase di ripresa post-Covid iniziata nel 2021 che ha visto il Mezzogiorno partecipare attivamente alla crescita nazionale, collocandosi stabilmente al di sopra della crescita media dell’Ue (+0,4% nel 2023).

Leggi anche:  Quanto peserà sull’Europa l’ammucchiata francese? Non poco, purtroppo

La Svimez spiega inoltre che il dato di crescita cumulata del PIL 2019-2023 del +3,7% nel Mezzogiorno ha superato l’analogo dato del Nord-Ovest (+3,4%) e, soprattutto, quello delle regioni centrali (+1,7%). «Ha contributo – spiega – a scongiurare l’apertura del divario di crescita Nord-Sud osservato, in precedenti fasi di ripresa ciclica, l’inedita intonazione di segno marcatamente espansivo della politica di bilancio».

Setaro

Altri servizi

Quanto peserà sull’Europa l’ammucchiata francese? Non poco, purtroppo

Il risultato transalpino rischia di allungare i tempi per l’elezione dei «top Jobs» e della Commissione europea Dovevano far festa per essere riusciti a ribaltare...

Mozzarella di bufala campana, approvato odg per maggiore tutela e controllo

Presentato dagli onorevoli Cerreto, primo firmatario, Cangiano, Mattia e Ruspandini È stato approvato ieri pomeriggio alla Camera dei Deputati un importante ordine del giorno presentato...