Caso Cecchettin, il pm: Turetta accoltellò Giulia anche in auto mentre moriva

Le immagini mostrano la ragazza, spinta e colpita da dietro mentre tenta di fuggire

Giulia Cecchettin fu accoltellata anche all’interno dell’auto da Filippo Turetta, nei sedili posteriori, quando già si stava dissanguando, dopo che l’ex fidanzato l’aveva già colpita con un fendente letale, mentre lei stava tentando di fuggire nella zona industriale di Fossò. È l’ipotesi sulla dinamica della morte della giovane che emerge dalle analisi medico-legali e scientifiche, nell’inchiesta dei carabinieri e della Procura di Venezia. Indagini chiuse in vista della richiesta di processo.

Pubblicità

Una telecamera di sorveglianza, come già emerso nei mesi scorsi, aveva ripreso le fasi finali della seconda aggressione, quella di Fossò appunto. Le immagini mostrano Giulia, spinta e colpita da dietro mentre tenta di fuggire di corsa, già fuori dalla macchina. Sbatte la testa su un marciapiede e resta a terra e lui la carica sull’auto. Quel colpo da dietro, anche se non si vede il coltello nelle immagini, sarebbe stato un fendente letale.

Poi, le coltellate nell’auto. Da qui anche la contestazione da parte dei pm dell’aggravante della crudeltà, perché Turetta avrebbe sferrato, questa è l’ipotesi, altre coltellate oltre a quella letale alla base del collo, mentre la ragazza stava morendo. I fendenti sarebbero in totale più di una ventina.

Setaro

Altri servizi

Operaio 37enne deceduto per un arresto cardiaco nel Napoletano

Era a lavoro in un cantiere Oggi pomeriggio i carabinieri sono intervenuti a via Nenni a Mugnano di Napoli. In un cantiere stradale, poco prima,...

Castellammare, D’Apuzzo: «Ripartire dalle Terme per essere al centro dell’agenda turistica»

Il candidato: «Il nostro programma prevede un progetto ampio e articolato» «Il nostro programma prevede un progetto ampio e articolato sul futuro del Complesso delle...