Giovani turisti drogati e rapinati in stazione: due algerini arrestati

Vittime risvegliatesi anche senza scarpe

Chiedono informazioni in stazione, gli viene offerto da bere, ma in realtà vengono drogati, rapinati anche delle scarpe e lasciati a terra privi di sensi. È accaduto nella stazione ferroviaria di Napoli. Il personale della Polizia Ferroviaria Campania ha dato esecuzione ad un’ordinanza del GIP del Tribunale di Napoli applicativa della misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di due persone di nazionalità algerina.

Pubblicità

I destinatari della misura cautelare sono accusati dei reati di rapina aggravata e lesioni in concorso tra loro, consistita nella somministrazione fraudolenta a tre ragazzi egiziani di sostanze stupefacenti diluite in una bevanda, al fine di porli in stato di incapacità di intendere e di agire per poter sottrarre loro tutti gli effetti personali.

Lo scorso 23 settembre – si legge in una nota a firma del procuratore Nicola Gratteri – tre ragazzi egiziani si trovavano nella Stazione di Napoli Centrale e, conosciuti B.R. e A.H., avendo chiesto loro informazioni su come arrivare in piazza Bellini, gli algerini si rendevano disponibili ad accompagnarli, provvedendo ad offrire loro da bere come gesto di cordiale ospitalità.

Pubblicità Federproprietà Napoli

I tre egiziani, dopo aver bevuto la bevanda offerta, avrebbero cominciato ad avvertire segni di stordimento per poi perdere i sensi e risvegliarsi dopo ore, derubati di tutto ciò che avevano: portafogli, zaini di note griffe di alta moda, cellulari, cuffiette e addirittura le scarpe. Le indagini della polizia ferroviaria, coordinate dalla Procura di Napoli, hanno permesso di ricostruire l’intera vicenda e risalire ai due presunti autori della rapina.

Setaro

Altri servizi

Truffe agli anziani: tra gli arrestati il figlio di Ugo De Lucia

Lavorava in una «centrale telefonica» a Secondigliano, il padre sconta l’ergastolo per l’omicidio di Gelsomina Verde Per Lucio De Lucia detto «Sasi» il giudice ha...

«Se ti fai il carcere non c’è più rispetto, sono tutti giovani»… E l’indagato cita Mare fuori

Sono 80 gli episodi contestati I retroscena dell’operazione che ha portato allo smantellamento di un gruppo specializzato nelle truffe agli anziani ha fatto emergere un...