Si introduce in casa di una 47enne e tenta di stuprarla, la donna scappa e lo fa arrestare

È accaduto a Torre Annunziata, la vittima minacciata con un punteruolo

Una donna di 47 anni è stata vittima di un tentativo di stupro nel suo stesso appartamento, nel pomeriggio di domenica a Torre Annunziata. L’aggressore, un uomo di 41 anni, è stato arrestato grazie all’intervento tempestivo dei carabinieri. L’orrore ha avuto inizio quando l’uomo è riuscito ad entrare nell’abitazione della donna, approfittando di una porta lasciata socchiusa. È un evento che sconvolge l’immagine di sicurezza e tranquillità che solitamente si associa alla propria casa, il luogo in cui ci si aspetta di sentirsi al sicuro.

Pubblicità

Una volta all’interno, l’aggressore ha iniziato ad avanzare verso la donna, che si è trovata di fronte a una situazione di puro terrore. Nonostante i suoi tentativi di dissuadere l’uomo, quest’ultimo ha manifestato le sue intenzioni in maniera inequivocabile: voleva la donna, nonostante il suo rifiuto categorico. Il «no» della vittima non è stato rispettato, e da lì è iniziato un incubo. L’uomo si è denudato, aggiungendo un ulteriore strato di orrore alla già terrificante situazione. Ha poi urinato addosso alla donna, un atto di umiliazione e violenza che ha reso ancora più evidente il suo intento criminale.

La fuga

Intanto la minacciava con un punteruolo. Ma la donna non si è arresa. Con coraggio e determinazione, è riuscita a divincolarsi e a fuggire dal suo aguzzino, dirigendosi verso la vicina stazione dei carabinieri. Un gesto di coraggio che merita il più profondo rispetto, dimostrando che anche di fronte all’indicibile terrore, la forza interiore di una persona può emergere. Le forze dell’ordine sono intervenute prontamente, dando avvio a un’indagine che ha portato all’arresto dell’aggressore in pochissimo tempo.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il 41enne, infatti, si trovava ancora all’interno dell’abitazione della vittima, seminudo. Secondo quanto emerso dalle indagini, l’uomo aveva «monitorato» la vittima per un certo periodo di tempo, individuando il momento giusto per compiere il suo atroce gesto. Questo fatto solleva seri interrogativi sulla sicurezza delle donne nella zona e sull’importanza di una risposta efficace da parte delle istituzioni per garantire la protezione di tutti i cittadini. Il 41enne è stato poi condotto nel carcere di Poggioreale, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Un drammatico episodio che ricorda l’importanza di restare vigili e solidali di fronte alla violenza di genere. Ogni donna ha il diritto di sentirsi al sicuro nella propria casa e nella propria comunità. Un diritto fondamentale.

Setaro

Altri servizi

Decreto «salva-casa»: via libera dal Consiglio dei Ministri

Cresce la tolleranza nei confronti delle difformità edilizie considerate di lieve entità Via libera in Consiglio dei ministri al cosiddetto decreto salva-casa. Cresce la tolleranza...

Superbonus: sventata maxi truffa da 93 milioni nel Napoletano

Indagate 7 persone. Crediti ceduti anche da persone morte All’esito di un’articolata attività investigativa diretta dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, personale del comando...