Ue, Giorgia Meloni: necessario assicurare autonomia all’industria

La premier ha incontrato il presidente dell’Istituto Jacques Delors Enrico Letta

Cambiare rotta per non restare a rincorrere Stati Uniti e Cina e assicurare all’industria europea l’autonomia nei settori chiave per il futuro: difesa e tech in testa. Gli input del governo per rilanciare la competitività dell’Europa corrono paralleli tra Roma e Bruxelles. La premier Giorgia Meloni li recapita direttamente al presidente dell’Istituto Jacques Delors, Enrico Letta, che si appresta a mettere nero su bianco il suo report sul mercato unico da presentare ai leader Ue il 17 aprile.

Pubblicità

A farle da sponda sulla scena europea è il ministro Adolfo Urso, impegnato a esortare i vertici comunitari a mettere in campo «fondi comuni» per aiutare le capitali e i privati a «reggere la sfida» della marea di sussidi elargiti da Washington e Pechino a favore delle loro imprese. E, per non restare intrappolata in vincoli troppo rigidi, l’appello all’Europa è anche a «rivedere le priorità» della svolta green. A partire dal regolamento sugli imballaggi, sul quale Roma preannuncia nuova battaglia.

Il divario in termini di crescita e innovazione

Davanti alle sfide geopolitiche ed economiche globali, nei precetti trasmessi dalla premier a Letta, è necessario «eliminare il divario in termini di crescita e innovazione tra l’Europa e i suoi principali concorrenti», alleggerendo «il peso burocratico» per le Pmi e dando «attenzione» a industria e occupazione. Tutti elementi messi in rilievo a più riprese anche dal ministro Urso durante il confronto con gli omologhi Ue a Bruxelles.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Unire «mercato interno, competitività e autonomia strategica è l’unica strada», nella visione del ministro delle Imprese e del Made in Italy, per rispondere al guanto di sfida già lanciato dall’amministrazione targata Joe Biden con l’Inflation Reduction Act e dal presidente XiJinping con la sua politica economica sempre più assertiva.

«O l’Europa si muove nella stessa direzione» delle rivali, «o non regge», è il monito di Urso rivolto anche al commissario europeo per il Mercato interno, Thierry Breton, condividendo l’allarme lanciato nei giorni scorsi dall’ex premier Mario Draghi nell’incontro a porte chiuse all’Europarlamento. Tutti gli investimenti di cui l’Europa ha bisogno, incalza Urso, dovranno essere sostenuti dai Ventisette insieme, nel solco di quanto già fatto con il Recovery fund e il RePowerEu. Una richiesta in linea con l’urgenza messa in rilievo da Draghi di «500 miliardi di investimenti l’anno per i prossimi dieci anni». E anche con l’indicazione di Letta sulla centralità della Banca europea per gli investimenti «per finanziare l’economia reale».

Le ambizioni green

A novanta giorni dalle Europee la sfida passa anche per le ambizioni green del continente. Con lo stop alle auto diesel e benzina al 2035 diventato ormai realtà – una scelta, nelle parole di Urso, «mortificante» per un intero settore già soggiogato dalla potenza cinese sui veicoli elettrici e da politiche commerciali non all’altezza rispetto agli Stati Uniti – il governo è pronto a battersi nelle prossime settimane sul regolamento imballaggi.

Leggi anche:  Con la Francia che cambia si avrà un’Europa diversa!?

Dopo l’intesa politica Ue provvisoria raggiunta il 4 marzo, la tempesta sul testo non si placa con più di una voce scontenta. Le norme, sollecita Urso, possono essere migliorate «ulteriormente» soprattutto sui «prodotti monouso». L’auspicio di Roma è sempre lo stesso: «Far convivere il riciclo e il riuso». E il consenso tra gli altri governi Ue, è l’assicurazione, è stato «allargato».

Setaro

Altri servizi

Ex Ilva, arriva il quarto pretendente. Urso: «Polo può ripartire con tecnologia green»

Si tratta di un gruppo che arriva da un Paese del G7 Arriva il quarto pretendente per l’ex Ilva. Ai tre grandi player internazionali interessati...

Governo, Sangiuliano: «Tra i 50 e i 100 milioni per cultura nelle periferie del Sud»

Il ministro: «La cultura è il più forte antidoto contro il degrado dei territori» «Nel Dl Coesione abbiamo voluto destinare tra i 50 e i...