Pizzaiolo in Francia, mafioso latitante in Italia: da Lione via libera all’estradizione

Il legale: se rimpatriato sarà legalmente e fisicamente morto

La Corte d’appello di Lione ha dato parere favorevole all’estradizione in Italia di Edgardo Greco, ex membro della ‘ndrangheta calabrese arrestato un anno fa in Francia, dove faceva il pizzaiolo. Lo ha dichiarato il suo avvocato David Metaxas che ha immediatamente annunciato l’intenzione di ricorrere alla Corte Suprema francese, sospendendo così la procedura di estradizione del suo cliente, un ex membro della ‘ndrangheta di 64 anni, condannato per un duplice omicidio in Italia 18 anni fa.

Pubblicità

Dopo il suo arresto, avvenuto il 2 febbraio 2023 a Saint-Étienne, la divisione investigativa della Corte d’appello di Lione aveva autorizzato la sua estradizione. Tuttavia, a gennaio la Cassazione ha annullato la decisione per motivi procedurali e ha chiesto al tribunale di Lione di riesaminare il caso. Dopo una nuova udienza, il 15 febbraio, la Corte d’Appello ha confermato la decisione originaria.

«Se va in Italia, è legalmente e fisicamente morto. Imprigionato lì, non ne uscirà vivo (…) il nostro obiettivo è che sia nuovamente processato in Francia», ha dichiarato l’avvocato. Metaxas sta cercando di ottenere la liberazione di Greco e ha fatto ricorso alla Corte di Cassazione dopo essere stato respinto più volte. Greco è considerato «pericoloso dall’Interpol».

Setaro

Altri servizi

Buone pratiche di governo del territorio, Asi e UNICRI sottoscrivono l’intesa

Alla presenza del Vice Ministro Edmondo Cirielli Asi Caserta e l’Istituto Interregionale delle Nazioni Unite per la Ricerca sul Crimine e la Giustizia (UNICRI) collaboreranno...

Pensa che l’auto comprata sia difettosa e accoltella il venditore alla gola

Denunciato un 71enne Ha accoltellato l’uomo che gli aveva venduto l’auto, ritenendo che fosse difettosa. Dovrà rispondere di lesioni personali aggravate e porto abusivo di...