Invita una turista per un drink e la stupra: 32enne tunisino arrestato in Sicilia

Le violenze sarebbe avvenute a Sorrento l’estate scorsa

Avrebbe violentato in strada una giovane conosciuta da poco, dopo averla condotta con un pretesto in un luogo appartato a Sorrento, in provincia di Napoli. Dopo la denuncia della vittima dei fatti avvenuti lo scorso mese di luglio, i carabinieri sono riusciti a risalire all’autore della presunta violenza e ad arrestarlo.

Pubblicità

Decisive, appunto, prima il coraggio della donna nel denunciare l’accaduto e poi la ricostruzione dei fatti, resa possibile anche dalle immagini estratte dai sistemi di videosorveglianza della zona dove si è verificato l’episodio.

In manette è finito un cittadino di origini tunisine di 32 anni, residente a Marsala (Trapani) ma all’epoca dei fatti impiegato presso un’attività commerciale della penisola. A dare esecuzione all’ordinanza cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta dell’ufficio inquirente coordinato dal procuratore Nunzio Fragliasso, sono stati i carabinieri della compagnia di Sorrento.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il 32enne è accusato di violenza sessuale e lesioni personali aggravate ai danni di una giovane donna straniera presente in costiera per motivi turistici. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti l’uomo, con il pretesto di un invito a bere un drink, avrebbe convinto la vittima a seguirlo e, approfittando dell’ora notturna e dell’assenza in strada di persone, avrebbe costretto con violenza la donna a subire atti sessuali contro la sua volontà. Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato condotto nel carcere Casa Santa di Trapani.

Setaro

Altri servizi

Avellino, l’ex sindaco Festa intercettato: «Dove c’è gusto non c’è perdenza»

Gianluca Festa è accusato di «sollecitazioni illecite» «Dove c'è gusto non c'è perdenza» dice il sindaco di Avellino, Gianluca Festa, a uno degli imprenditori che...

Poliziotto ucciso, indagato libero perché si è «riabilitato»

Per i giudici il quadro indiziario resta solido L’impianto indiziario è solido ma, nel corso di questi 36 anni, si è reso protagonista di un...