Napoli, la denuncia di Nappi (Lega): “73enne costretto a vivere in macchina da 4 mesi”

Il Consigliere Regionale della Lega: “il Comune dov’è?”

“Antonio è un napoletano di 73 anni, uno dei tanti invisibili agli occhi del Comune, un anziano che da ben 4 mesi vive in uno stato di assoluto degrado, all’interno di un’auto parcheggiata davanti all’ufficio postale di Via Suarez, all’Arenella. Le sue condizioni sono precarie e riesce a malapena a lasciare il suo rifugio per espletare in strada i propri bisogni fisiologici. Senza parlare della ‘bomba ecologica’, altamente rischiosa per la sua salute e per quella dei residenti, che rappresenta la macchina in cui è rintanato, riempita di ciarpame, di resti di cibo e focolaio di infezioni, situazione certificata anche dal fatto che il corpo dell’anziano è invaso da una grave forma di psoriasi. Questo dramma sociale si consuma nella totale indifferenza di Palazzo San Giacomo e dell’assessorato al Welfare, in una delle aree più densamente popolate della città e nei pressi di un ufficio pubblico. Mi chiedo come sia possibile che, nonostante le segnalazioni dei residenti e le comunicazioni degli operatori della Croce Rossa al Comune, nonostante la polizia municipale presidi con costanza la zona, nessuno si sia accorto e sia intervenuto per aiutare l’anziano e provare a strapparlo alle condizioni inumane in cui si trova. È questo il livello dei servizi sociali nella capitale del Mezzogiorno? Invito, pertanto, il sindaco Manfredi e l’assessore Trapanese ad intervenire immediatamente, anche perché con le alte temperature che si stanno registrando in questi giorni, diventa ancor più proibitivo per Antonio, sopravvivere”. Lo denuncia Severino Nappi, capogruppo della Lega nel Consiglio regionale della Campania.

Setaro

Altri servizi

Crolla un costone di roccia a Monte di Procida: solo paura

L'evento non sarebbe collegato alla scossa di stamattina È crollato un costone di roccia a Monte di Procida, a poca distanza da Bacoli, nell’area del...

Ucciso e sciolto nell’acido per errore: i boss dei Polverino condannati a 30 anni di carcere

Condanna anche per il collaboratore di giustizia Roberto Perrone Carlo Nappi e Salvatore Cammarota, due figure di spicco del clan Polverino di Marano, sono stati...