Camorra, a Maria Licciardi prima condanna come boss dell’Alleanza di Secondigliano

Il processo celebrato con il rito abbreviato

Arriva la prima condanna in veste di capoclan per Maria Licciardi, arrestata dal Ros di Napoli, l’8 agosto del 2021, mentre stava per partire alla volta della Spagna dall’aeroporto romano di Ciampino: il gup Antonio Baldassarre, al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, ha inflitto alla Licciardi 12 anni e otto mesi di reclusione.

Pubblicità

La presunta capoclan, ritenuta dalla Dda componente dell’Alleanza di Secondigliano, è stata ritenuta colpevole di essere la guida dell’associazione malavitosa fondata dai fratelli. Riconosciute anche numerose estorsioni alcune delle quali però sono state derubricate a violenza privata. Si tratta della seconda condanna inflitta alla Licciardi, che è stata difesa daglioavvocati Bruno Larosa e Edoardo Cardillo: circa vent’anni fa venne condannata a dieci anni di reclusione ma nella veste di affiliata al clan.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Prodotti venduti ma mai consegnati: maxi sequestro a shop online

Due persone arrestate per bancarotta fraudolenta, riciclaggio e auto riciclaggio Bancarotta fraudolenta, riciclaggio e auto riciclaggio: sono i reati contestati nell’ambito di un’indagine della Guardia...

Truffa sui buoni pasto per lo Stato: gli ex vertici Edenred rischiano il processo

Chiesto il rinvio a giudizio per quattro persone La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per quattro persone dopo la chiusura dell’indagine...