Il Governo stringe sulle Ong: transito consentito solo per i soccorsi

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto

Un codice per le Ong con multe e confische per chi non rispetta le nuove regole. Le navi potranno transitare e intervenire solo per i soccorsi: sotto il controllo e le indicazioni delle autorità territoriali. In caso contrario, sono previste sanzioni per il comandante, l’armatore e il proprietario, fino a 50.000 mila euro, compresa la confisca del mezzo: che deve anche avere una «idoneità tecnica» per la sicurezza nella navigazione. E’ il succo del decreto legge, dedicato al dossier migranti, approvato dal Consiglio dei ministri.

Pubblicità

Per il resto delle misure sulla sicurezza il governo lavora ad un nuovo decreto che sarà pronto a gennaio. Un risultato di compromesso ottenuto al termine di molte riunioni tecniche e di tanti confronti politici. Secondo alcune fonti, la Lega avrebbe preferito che già in questo provvedimento ci fossero le misure contro le baby gang e la violenza sulle donne, insomma un testo più ampio contro la criminalità. Pare che questa fosse l’idea iniziale.

L’esgenza di non forzare la mano

Tuttavia, alla fine s’è raggiunto un accordo che non scontenta nessuno: il resto delle misure, comprese quelle per rafforzare la lotta al terrorismo, saranno contenute nel secondo decreto di gennaio. Ufficiosamente questa sorta di spacchettamento sarebbe stata l’unica soluzione per l’esecutivo alla luce della necessità di approfondire molti aspetti tecnici. E per continuare a mantenere un contatto con l’Unione europea senza spingere oltre il limite l’acceleratore sulle iniziative unilaterali di Roma.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Tant’è che, all’interno del centrodestra, si sospetta che dietro questo rinvio per motivi tecnici ci possa essere anche la «manina» di Forza Italia. Secondo alcune fonti, il partito azzurro, in questa fase, avrebbe preferito mettere mano all’intera materia migratoria in sede europea, e non in modo autonomo, subito, a livello nazionale. Inoltre Forza Italia avrebbe messo l’accento sull’esigenza che l’esecutivo non riceva alcun rilievo di carattere costituzionale da parte del Quirinale, insomma che non si ripeta quanto accadde in passato.

La Lega fa sapere che non ha né accelerato, né frenato su questo fronte. Piuttosto, fanno notare parlamentari del partito di via Bellerio, è stata la premier Giorgia Meloni a parlare per prima del tema annunciando tempo fa un decreto, mentre Salvini non ne ha mai parlato. Alla fine per le Ong passa la linea dura: secondo il nuovo regolamento «il transito e la sosta in territorio nazionale sono comunque garantiti ai soli fini di assicurare il soccorso e l’assistenza a terra delle persone prese a bordo a tutela della loro incolumità».

Sanzioni severe

Le operazioni di soccorso devono essere «immediatamente comunicate al centro di coordinamento competente per il soccorso marittimo nella cui area di responsabilità si svolge l’evento e allo Stato di bandiera, ed effettuate nel rispetto delle indicazioni delle predette autorità». Se si violano le regole «si applica al comandante della nave la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 10.000 a euro 50.000. La responsabilità solidale si estende all’armatore e al proprietario della nave».

Leggi anche:  Ex Ilva, al via il cambio di rotta: scelto il commissario straordinario

Alla contestazione «della violazione consegue l’applicazione della sanzione amministrativa accessoria del fermo amministrativo per due mesi della nave utilizzata per commettere la violazione. L’organo accertatore, che applica la sanzione del fermo amministrativo, nomina custode l’armatore o, in sua assenza, il comandante o altro soggetto obbligato in solido, che fa cessare la navigazione e provvede alla custodia della nave a proprie spese».

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Acerra, il consiglio comunale a sostegno degli agricoltori

Misure a favore della categoria votate all’unanimità dei presenti Il consiglio comunale a fianco degli agricoltori locali. È quanto emerso nel corso dell’Assise di questa...

Persecuzioni, aggressioni e minacce al suo ex: 44enne arrestata

Le telecamere hanno immortalato l'ennesimo episodio di violenza della donna Un anno di minacce di morte, aggressioni e danni. Prima la separazione, poi la violenza....