Federproprietà Napoli

Spaccio in Costiera sorrentina: eseguite 33 misure cautelari | VIDEO

Pubblicità

– I rifornimenti di droga a Torre Annunziata, nell’area stabiese e nel centro di Napoli

Sono 33 i destinatari dell’ordinanza emessa dal gip di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina ed eseguita dai Carabinieri del Comando provinciale di Napoli nelle province di Napoli, Caserta, Salerno, Cosenza, Ragusa e Caltanissetta nell’ambito di indagini sullo spaccio di droga in Penisola sorrentina.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Tutti i destinatari dell’ordinanza sono indagati per detenzione e cessione illecite di sostanze stupefacenti, 3 anche del reato di detenzione illegale di arma comune da sparo e ricettazione e 6 anche del reato di estorsione, per un totale di 184 capi d’imputazione. Per 11 indagati è stata disposta la custodia cautelare in carcere, per 13 indagati la misura cautelare degli arresti domiciliari e per 9 indagati la misura cautelare del divieto di dimora in provincia di Napoli. Uno dei destinatari, in particolare della misura degli arresti domiciliari, è allo stato irreperibile ed è ricercato dai Carabinieri.

– Le indagini sulla droga in Costiera Sorrentina

Le indagini, condotte dai Carabinieri della Compagnia di Sorrento, hanno consentito di accertare l’esistenza di un’importante piazza di spaccio di sostanze stupefacenti attiva nel centro di Vico Equense e utilizzata per la distribuzione della droga nei diversi comuni della costiera sorrentina.

Sono stati identificati i probabili fornitori di droga operativi nel rione Penniniello di Torre Annunziata, nell’area stabiese e nel centro di Napoli, dai quali i pusher acquistavano la droga da rivendere in Penisola sorrentina. Nel corso delle indagini, iniziate nell’estate 2020 e prolungatesi fino all’inverno del 2021, sono stati documentati oltre mille episodi di spaccio di sostanze stupefacenti.

Leggi anche:  Napoli, arrestato il 18enne che ha investito il carabiniere: nel 2019 aveva accoltellato un coetaneo
Pubblicità

Tre delle persone raggiunte dal provvedimento eseguito oggi sono state arrestate nella flagranza del reato di cessione illecita di sostanza stupefacente; in una di queste circostanze, l’11 ottobre 2020, oltre a 32 grammi di cocaina e a materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi di stupefacente, i Carabinieri hanno trovato nella disponibilità dell’arrestato anche una pistola calibro 7,65 marca Astra mod. 4000 con relativo munizionamento. Nel corso delle indagini, a riprova della fiorente attività di spaccio di droga, sono state sequestrate decine di dosi tra cocaina, marjuana e crack.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Gragnano, Vincenzo Zurlo presenta il libro ‘Mamma camorra’

Venerdì 27 gennaio nella biblioteca comunale Venerdì 27 gennaio, a Gragnano, si terrà la presentazione del libro «Mamma camorra. Nel ventre del male» dello stabiese...

Un boss, mille identità: nel covo di Matteo Messina Denaro scoperte altre generalità

I carabinieri hanno diffuso le immagini girate nel covo di vicolo san Vito Il boss Matteo Messina Denaro negli anni avrebbe utilizzato le generalità di...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook