Federproprietà Napoli

Prete chiede offerte più generose: “E’ aumentato tutto”

Pubblicità

E’ accaduto nel Casertano, video su TikTok

Una richiesta “inconsueta”, che sta sollevando polemiche social visti i tempi di crisi soprattutto per tante famiglie, quella rivolta dal parroco di Carinaro, nel Casertano, ai propri fedeli nel bel mezzo di una messa; il prete, don Antonio Lucariello, ha chiesto “qualche cosina di più quest’anno per coprire le spese”, riferendosi alla festa patronale di Santa Eufemia, che si terrà  il 16 settembre prossimo.

Pubblicità Federproprietà Napoli

E’ accaduto alcuni giorni fa nella chiesa dedicata alla Santa Martire uccisa durante le persecuzioni ordinate dall’Imperatore romano Diocleziano; le parole di don Antonio sono state immortalate in un video girato da un fedele e poi pubblicato su TikTok, quindi segnalato al consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli che lo ha diffuso, provocando la relazione sdegnata di centinaia di utenti.

“A chi passa attraverso le nostre strade, vicino ai nostri palazzi – ha detto il parroco – accogliamolo con il sorriso, con le nostre preghiere e certamente con il dono della generosità come avete sempre fatto. Quest’anno con qualche cosina in più. Perché dovunque siamo andati quest’anno per i contratti, tutti ci hanno detto che è tutto aumentato”.

“Allora, qualche cosina in più, non dico quanto, rispetto a tutti gli altri anni, e credo che riusciamo a coprire tutte le spese. Già avete capito, Dio ama chi dona con gioia e con tutto il cuore. Ma non con tristezza e con le lacrime. Facciamo come fanno gli sposi, con le lacrime di gioia” ha concluso don Antonio

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Covid-19, vaccino Johnson&Johnson efficace al 94% dopo una seconda dose

J&J ha sottoposto i dati all'agenzia americana del farmaco Fda e prevede di presentarli anche ad altri entri regolatori Il vaccino Johnson&Johnson raggiunge il 94%...

Coronavirus, lettera ai signori del dopoguerra

Gentilissimi e ignoti signori del dopoguerra, non conoscendo ancora né i vostri nomi né le vostre referenze, vi scrivo dopo venti giorni di giusta detenzione...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook