Lotta al lavoro sommerso nel Napoletano: tre imprenditori denunciati

Elevate sanzioni per oltre 86mila euro in tre operazione

Potevano contare sulle prestazioni di otto lavoratori privi di qualsiasi tipo di contratto: per questo motivo tre imprenditori sono stati denunciati. È accaduto a Torre del Greco (Napoli), dove i carabinieri della locale compagnia, insieme ai colleghi del nucleo ispettorato del lavoro di Napoli, hanno effettuato un servizio a largo raggio nella città vesuviana volto al contrasto del fenomeno del lavoro sommerso, con specifici accertamenti in merito alla normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro.

Pubblicità

Durante questi controlli, i militari dell’Arma hanno denunciato a piede libero il titolare di un ristorante per omissioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Nell’attività commerciale i carabinieri hanno infatti trovato e controllato cinque lavoratori, tre dei quali sono risultati «in nero». Nei confronti del titolare sono state elevate sanzioni di tipo penale e amministrativo pari a più di 43.000 euro.

Durante le operazioni i militari hanno denunciato anche l’amministratore unico di una ditta: a quest’ultimo sono state contestate omissioni in materia di sicurezza. Tra i quattro lavoratori controllati, i militari hanno trovato un dipendente senza contratto: elevate multe per un totale di 17.400 euro. Infine l’amministratore di una società è stato sempre denunciato per omissioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e sanzionato per complessivi 26.000 euro. In quest’ultimo caso, quattro i lavoratori «in nero» trovati sui sei presenti al momento delle verifiche.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Il clan dei Casalesi riciclava in Toscana: 18 avvisi di conclusione indagine

Le indagini incentrate «su un imprenditore operante nel settore edile» La Procura della Repubblica di Firenze, nell’ambito di un’indagine della Guardia di finanza di Firenze...

«Pensava solo al figlio scomparso». Il quartiere piange Alfredo Nocerino

Il racconto dei residenti: fu lui a ritrovare il corpo del ragazzo, cercò di rianimarlo toccandogli il viso. Non si è mai ripreso Due mesi...