Federproprietà Napoli

Napoli, 12 milioni di euro per restauro “Crypta Neapolitana”

Pubblicità

Il tunnel realizzato 2000 anni fa collegava Napoli con la zona flegrea

La Regione Campania investirà 12 milioni di euro per il riqualificazione ed il recupero della “Crypta Neapolitana” il tunnel realizzato più di 2000 anni fa che metteva in collegamento la città  i Napoli con la zona flegrea.

Pubblicità Federproprietà Napoli

L’annuncio è stato dato dal presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso di una conferenza alla quale hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, e la direttrice del Polo Museale della Campania, Marta Ragozzino.
Si tratta di fondi in parte europei ed in parte tratti dai bilanci dell’ente di via Santa Lucia.

“Si tratta di un bene di valore storico ed artistico di valore incommensurabile”, ha spiegato il governatore perché “attraversare questo tunnel significa attraversare 2000 anni di storia. E’ una di quelle opere che senza un finanziamento così importante non sarebbe mai fatta; è un’opera che richiede interventi di ingegneria molto delicati. Ma poi restituiremo a Napoli e all’Italia un bene importantissimo”.

La situazione statica della “crypta”, a giudizio di Manfredi, “è abbastanza compromessa”. Per il sindaco di Napoli, il prossimo steep, è quello di fare “un progetto esecutivo in maniera molto dettagliata. Noi abbiamo già  fatto fare degli studi ed è emerso che ci deve essere un consolidamento”.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Approvata la riforma del Csm. Draghi: «Apertura e rispetto per il Parlamento»

Stop alle cosiddette «porte girevoli» Il Consiglio dei ministri ha approvato la riforma del Csm e dell’ordinamento giudiziario. Tra i punti della riforma un nuovo...

In difesa della nostra sovranità agroalimentare

Creare una rete di contadini, produttori onesti e gruppi di consumo, filiera corta, chilometro zero E’ ora di dare vitalità al nostro agroalimentare. Un diritto...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook