Omicidio del piccolo Giuseppe, il pg: «Si è toccato il fondo della crudeltà umana»

Il sostituto procuratore ha chiesto la condanna all’ergastolo per Toni Essobti Badre e Valentina Casa

«Si è toccato il fondo della crudeltà umana… anche gli animali hanno l’istinto di proteggere i propri cuccioli». Lo ha detto il sostituto procuratore generale di Napoli Anna Grillo nel corso della sua requisitoria al termine della quale ha chiesto ai giudici della seconda sezione della Corte di Assise di Appello partenopea (presidente Alfonso Barbarano) di confermare la condanna all’ergastolo inflitta in primo grado a Toni Essobti Badre, e la stessa pena anche per Valentina Casa, la sua ex, madre di Giuseppe, ucciso a bastonate il 27 gennaio 2019, a Cardito, in provincia di Napoli.

Pubblicità

Valentina venne ritenuta colpevole di gravi omissioni ma condannata a sei anni dalla Corte di Assise. Nel corso della discussione, durata oltre tre ore, il sostituto procuratore generale ha ripercorso la raccapricciante vicenda che ha visto protagonista il piccolo Giuseppe (che con un intervento precoce si sarebbe potuto salvare) e la sorellina, rispettivamente di 8 e 6 anni, picchiati selvaggiamente con un bastone da Toni, in preda agli effetti della marijuana.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Lupara bianca, dopo 28 anni condannati i presunti autori di due omicidi

Le vittime sarebbero state uccise dal clan dei Casalesi Fino a qualche anno fa non si sapeva dov’erano finiti, se erano ancora vivi oppure morti....

Pizzaiolo in Francia, mafioso latitante in Italia: da Lione via libera all’estradizione

Il legale: se rimpatriato sarà legalmente e fisicamente morto La Corte d’appello di Lione ha dato parere favorevole all’estradizione in Italia di Edgardo Greco, ex...