Federproprietà Napoli

Pnrr, Bucalo e Frassinetti: «Su asili nido altro paradosso ministro Bianchi»

Pubblicità

Fratelli d’Italia: «L’infanzia va rispettata, ma anche i lavoratori»

«L’ennesimo paradosso di un ministero a guida Bianchi è servito: grazie al PNRR si costruiranno asili nido ma mancano gli educatori. Un po’ come comprare un’auto senza avere il conducente patentato. E, peggio, il ministro non si rende conto che manca ‘qualcosa’ al successo dell’azione compiuta. Bianchi ha infatti dichiarato che l’avere utilizzato per intero le risorse del PNRR per gli asili nido li rende orgogliosi». Lo dichiarano Ella Bucalo e Paola Frassinetti, deputati di Fratelli d’Italia e rispettivamente responsabile Scuola e del dipartimento Istruzione.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Orgogliosi – continuano – per avere messo a punto le basi di strutture atte ad accogliere bimbi della fascia 0-6 anni, quando l’offerta educativa prevista dal PNRR per questa stessa utenza infantile prevede, di pari passo, l’assunzione di 42mila educatori, che mancano? Ed ancora, se anche venissero banditi concorsi, occorre che le condizioni contrattuali siano allettanti per chi vi concorre, altrimenti si corre il rischio che pur di rispondere a ridotti criteri economici ne abbia a risentire la qualità dell’offerta educativa. L’infanzia va rispettata, ma anche i lavoratori. Un buon ministero deve coniugare le due esigenze».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Leonardo, dal Mise 163 milioni di euro per gli stabilimenti di Nola e Pomigliano D’Arco

Via libera a un programma di investimenti nel settore dell’industria aeronautica in Campania Il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti ha autorizzato l’accordo di sviluppo...

Ad Afragola Lollobrigida, Delmastro e Schiano presentano i candidati di FdI

Alle 15 la presentazione delle liste di FdI al Comune di Napoli Domani, 10 settembre, alle ore 14 al 'Lounge Bar Brame' di Afragola gli...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook