Omicidio Nicholas Di Martino, Dda Napoli chiede due ergastoli

Il 17enne assassinato a Gragnano a maggio 2020

La Procura di Napoli ha chiesto l’ergastolo per Maurizio Apicella e Ciro Di Lauro, ritenuti gli assassini di Nicholas De Martino e del tentato omicidio di Carlo Langelotti, entrambi legati da rapporti parentali con il boss Nicola Carfora di Gragnano.

Pubblicità

Il sostituto procuratore della Dda Giuseppe Cimmarotta ha avanzato le sue richieste di condanna oggi davanti ai giudici della seconda sezione penale della Corte di Assise di Napoli.

Apicella è difeso dagli avvocati Carlo Taormina e Giuliano Sorrentino; Di Lauro dall’avvocato Francesco Romano. Langellotti, invece, costituitosi parte civile, è difeso dall’avvocato Raffaele Chiummariello. Si sono costituiti parte civile anche la madre della vittima, Maria Carfora, difesa dall’avvocato Antonio Rocco Briganti, e il fratello di Nicholas, Gennaro, difeso dall’avvocato Raffaele Attanasio.

Pubblicità Federproprietà Napoli

La prossima udienza, durante la quale discuteranno i difensori degli imputati, è  stata fissata per il 3 giugno. Nicholas, che aveva appena 17 anni, venne accoltellato a morte una singola volta, la notte del 25 maggio 2020, a Gragnano, con una lama lunga 9 centimetri.

A sferrare il colpo, secondo gli inquirenti, fu Maurizio Apicella. Carlo Langellotti, cugino venne colpito per primo, sei volte. L’aggressione scattò, sempre secondo gli inquirenti, per la spartizione dei territori.

Setaro

Altri servizi

Torre Annunziata, Mariantonietta Zeppetella: «Da altre coalizioni dato politico sconcertante»

La candidata del M5S: «La verità è che si è perso anche il senso del comune pudore» «Il panorama elettorale offre un quadro davvero desolante...

Falsi certificati di residenza a cittadini brasiliani: 6 arresti nel Napoletano

Sarebbero stati emessi in cambio di soldi e regali, tra cui prestazioni sessuali Falsi certificati di residenza formati da dipendenti del Comune di Villaricca (Napoli)...