Sanità, al via raccolta di firme Fdi per riapertura Loreto Mare

E’ stato convertito in Covid Hospital all’inizio della pandemia

“Una raccolta di firme per chiedere la riapertura del Loreto Mare, importante presidio sanitario della città di Napoli, con un Pronto Soccorso che registrava fino a centomila accessi all’anno, secondo solo al Cardarelli, e 130 posti letto”.

Pubblicità

E’ l’iniziativa promossa dai dirigenti di Fdi, Luigi Rispoli ed Antonio Quaranta, che potrà  essere sottoscritta presso il Circolo di Fdi della II Municipalità, in via del Carmine 22, nei centri di assistenza fiscale siti in corso Lucci 113 e in via del Carmine 13, on line all’indirizzo www.change.org e nei banchetti che, nei prossimi giorni, saranno in vari punti della città.

“Dall’inizio della pandemia, il Loreto Mare è stato convertito in Covid Hospital, eliminando il Pronto Soccorso, la diagnostica, la cardiologia e la chirurgia d’urgenza. Oggi, alla luce della crisi della rete dell’emergenza-urgenza e dell’esiguo numero di pazienti ricoverati, la scelta di riaprire il Loreto Mare diventa obbligata e fondamentale per restituire ai napoletani un punto di riferimento sanitario essenziale per il territorio” – spiegano i due dirigenti di Fdi che aggiungono: “la petizione, rivolta al presidente della Regione Campania ed al Consiglio Regionale della Campania, è finalizzata alla immediata riapertura dell’ospedale Loreto Mare e alla sua classificazione come Dea di Primo livello, con Pronto soccorso, Medicina d’urgenza, Anestesia, Polo materno – infantile, Rianimazione e Cardiologia con Utic”.

Setaro

Altri servizi

Centrale idroelettrica di Suviana: in 200 per cercare Vincenzo

L'ultimo disperso è un 68enne di Napoli Inizia il quarto giorno di ricerca dei dispersi dell’esplosione nella centrale idroelettrica di Suviana a Bargi, nell’Appennino bolognese....

Condanna Pellini, il consiglio comunale di Acerra: risarcirmento per il danno ambientale

L’Assise approva un documento che chiede al Ministero di rendere effettivo il ristoro conseguente alla sentenza «Risarcire la città di Acerra per il danno ambientale...