Federproprietà Napoli

Draghi taglia le accise di 25 centesimi a litro, ma ne lascia 703 per il governo

Pubblicità

L’Italia potrà continuare a lucrare sull’aumento dei carburanti

Ci sono voluti tre anni e altrettante coalizioni di governo: M5S-Lega, M5S-Pd, Conte (1 e 2) e quella (M5s-Pd-Leu-Fi-Lega) con Draghi al volante, ma alla fine ce l’hanno fatta. Hanno realizzato la decrescita infelice. Indubbiamente, a renderla tale hanno contribuito: il Covid -19 e l’aggressione russa all’Ucraina. Ma, anche senza ce l’avrebbero fatta lo stesso.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Basterebbe rileggersi strategie e progetti, messi a terra per mantenere la promessa della «decrescita felice», per rendersi conto che il loro combinato disposto non avrebbe potuto che produrre il risultato opposto. Ed è quello che è successo. Certo, superMario era stato chiamato proprio per evitarlo, ma a dispetto delle narrazioni ufficiali non c’è riuscito.

Purtroppo, paga il fio di aver accettato l’invito di Mattarella a presiedere un cdm retto da una coalizione senza confini i cui soci tiravano – ancor prima di mettersi insieme e hanno continuano a farlo anche dopo – verso direzioni contrarie. Affondando il governo in un mare di polemiche e trasformando il Paese «dove il dolce si suona», in quello «dove l’aspro “no” (s)governa».

I troppi «No»

«No» al Tap, il gasdotto che atttraversa l’Adriatico e consentirebbe il trasporto dall’Azerbaijan a Melendugno in provincia di Lecce di 25milioni di mc di gas al giorno. Al terzo valico; alle «trivelle» petrolifere nell’Adriatico; alle pale eloiche; ai termovalorizzatori, per bruciare i rifiuti organici, convertendoli in energia elettrica. Ai rigassificatori, bocciati qualche anno addietro, per trasformare il gas liquido in metano utilizzabile; e al nucleare, incuranti che proprio ai nostri confini ci sono centrali nucleari francesi per la produzione di energia che noi acquistiamo a prezzi salatissimi.

Pubblicità

«No», isomma, a tutte le centrali energetiche indipendentemente che fossero a carbone, rinnovabili e pulite, a biomasse o fotovoltaiche. E non solo a quelle da realizzare, ma anche alle già esistenti, inutilizzate e riattivabili. Il che spiega perché, siamo uno dei principali – se non il maggiore in assoluto – Paesi importatori di energia. Il 40% di gas, il 12 di petrolio e il 52 di carbone ci arrivano dalla Russia.

Conseguenza, inevitabile del fatto che – in assoluta controtendenza con la costante crescita della richiesta mondiale di energia – negli ultimi 10 anni abbiamo pensato bene di ridurre i nostri investimenti energetici da 800 a 400 milioni annui. Tant’è che, dei 1.298 pozzi di trivellazione nel Mediterraneo – che nel 2000 ci avevano fornito ben 17 miliardi di metri cubi – oggi 792 sono inattivi e la nostra produzione nel 2021 è crollata del 95%, 3,3 (contro una potenzialità di 30) miliardi di metri cubi per un resa di 800 milioni.

Leggi anche:  «Nord Stream 1 e 2 colpiti da esplosioni con 500 chili di tritolo»

Lo stesso discorso vale per la produzione agricola

In dieci anni abbiamo ridotto del 28% il nostro patrimonio naturale di terreni coltivabili e ristretto la nostra superficie agricola ad appena 12,8 milioni di ettari. E così abbiamo perduto ben 400 milioni di prodotti agricoli: -64% di frumento tenero e 40% di duro per la produzione della pasta e copriamo solo il 53% del fabbisogno interno di mais. E anche i prezzi dei cereali sono aumentati del 12,5%.

Due ricatti dai quali bisogna uscire. L’Italia non può continuare a vivere in una situazione di dipendenza dall’estero che l’espone a rischi di crisi e fallimento ogni qualvolta, da qualche parte, spiri un po’ di vento contrario. Per riuscirci, però, bisogna uscire dal «Paese dove il «no» (s)governa» e rientrare in quello «dove il dolce “si” suona» di dantesca memoria. Ma non sarà facile, almeno fino a quando (tanto per fare un esempio) oltre il 55% dei prezzi dei carburanti, all’utenza, finisce, come accise e tasse, nelle casse dell’erario.

Tant’è che per alleggerire il prezzo alle pompe di benzina e gasolio, Draghi & c. hanno tagliato le accise di 25 centesimi al litro, in pratica solo il 3,4% dei 728,40 centesimi totali di accisi che pesano su ogni litro di benzina. E, per altro, solo fino al 30 aprile. E Poi? Boh! Ma se ne sono conservate altri 703,40 centesimi al litro. Così anche lo Stato potrà continuare a lucrare sull’aumento dei carburanti. Senza, però, pagare la tassa del 10% sul maggior ricavo. Come dovranno, invece, fare le imprese, per dare a Robin Hood, i 4,4 miliardi che poi questo distribuirà a famiglie e imprese in difficoltà.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Quirinarie: Letta alla ricerca del candidato perduto. Non di parte, purché di sinistra

Per non perdere troppo tempo, Draghi emani un Dpcm per consentire il voto da remoto ai 'grandi elettori' contagiati. Ormai uno in più o...

Tentato omicidio e traffico di sostanze stupefacenti: blitz a Pianura

Eseguite due ordinanze di custodia cautelare Dalle prime ore del mattino è in corso una «vasta operazione» della Polizia di Stato nel quartiere napoletano di...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook