Comunicano la morte di una donna ma lei è viva: nuovo errore al Covid hospital di Maddaloni

L’Asl di Caserta ha aperto una nuova inchiesta

Un’altra paziente data per morta ma invece viva, e sempre al Covid Hospital di Maddaloni (Caserta), dopo il caso analogo di una settimana fa. È accaduto nella notte quando un medico della terapia intensiva – che doveva assistere una donna che si era aggravata e necessitava di essere intubata – ha ricevuto dal reparto una cartella clinica che non corrispondeva a quella della paziente, ma di una persona deceduta; ai parenti della donna è stato così comunicato via telefono il decesso, ma dopo una mezz’oretta i sanitari si sono accorti dell’errore e hanno ricontattato i familiari della paziente cui è stato detto che la parente era viva.

Pubblicità

Una settimana fa sempre all’ospedale di Maddaloni era stata data morta per errore la 52enne Agnese Grimaldi, e i familiari avevano anche organizzato i funerali, poi dopo qualche ora era arrivato il «contrordine» con le scuse dell’Asl; alla fine però la signora Grimaldi è comunque deceduta.

Allora il direttore generale dell’Asl di Caserta Ferdinando Russo aprì un’inchiesta interna, e così ha fatto anche questa volta, sebbene questo secondo caso abbia destato più di un sospetto; e l’Asl ora vuole vederci chiaro, per capire se si sia trattato di uno «spiacevole equivoco» come la prima volta, dovuto al superlavoro di medici e infermieri causa Covid, o vi sia dietro un tentativo di nuocere all’immagine della struttura. Secondo quanto si apprende dall’Asl, i familiari della donna data per morta per poche decine di minuti hanno reagito in maniera comprensiva all’errore della struttura ospedaliera.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Truffe agli anziani: tra gli arrestati il figlio di Ugo De Lucia

Lavorava in una «centrale telefonica» a Secondigliano, il padre sconta l’ergastolo per l’omicidio di Gelsomina Verde Per Lucio De Lucia detto «Sasi» il giudice ha...

Diana morta di stenti, Alessia Pifferi comincia uno sciopero della fame

L'avvocato: «Non fa altro che piangere» A 8 giorni dalla sentenza di condanna all’ergastolo, Alessia Pifferi ha deciso di fare lo sciopero della fame. «Sta...