Federproprietà Napoli

Appalti truccati, sei arresti nel Casertano. Indagato anche Carlo Marino

Pubblicità

L’indagine della DDA di Napoli sulla raccolta, gestione e smaltimento dei rifiuti urbani

Il sindaco di Curti (Caserta) Antonio Raiano è finito agli arresti domiciliari insieme al comandante della Polizia municipale Igino Faiella, al funzionario del Comune di Caserta Giuseppe D’Auria e all’ex responsabile del settore ambiente Marcello Iovino con l’accusa turbativa della libertà degli incanti, turbata libertà dei procedimenti di scelta del contraente, e falso in atti pubblici, in particolare di verbali di nomina di Commissioni giudicatrici di gare d’ appalto. Ai domiciliari anche Gennaro Cardone.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Gli arresti sono stati eseguiti dai carabinieri del Noe (Nucleo Operativo Ecologico) nell’ambito di un’indagine della DDA di Napoli sulla raccolta, gestione e smaltimento dei rifiuti urbani. Alcuni bandi di gara sarebbero stati «aggiustati»- secondo l’accusa – perché fossero aggiudicati all’azienda dell’imprenditore Carlo Savoia, finito in carcere.

La posizione del primo cittadino di Caserta

Figura anche il sindaco di Caserta Carlo Marino, del Pd, tra gli indagati nell’inchiesta della Dda Napoli (pm Fabrizio Vanorio e Maurizio Giordano, aggiunto, Rosa Volpe) sui bandi di gara per i rifiuti «aggiustati» in numerosi Comuni delle province di Caserta e Napoli (Caserta, Curti, Lusciano, Aversa, Cardito), per essere aggiudicati all’imprenditore arrestato Carlo Savoia, da anni operante nel settore dei rifiuti.

Dall’ordinanza di custodia cautelare del Gip Ambra Cerabona, emerge come l’attuale sindaco di Caserta, rieletto al secondo mandato a ottobre sia indagato per il reato di turbata libertà dei procedimenti di scelta del contraente, perché -secondo la Dda e i carabinieri del Noe che hanno realizzato le indagini – «attraverso ripetuti incontri riservati e contatti telefonici con Vitale (altro indagato non raggiunto da misura ed anche con Savoia, si prestava a ricevere i documenti di gara fraudolentemente preparati da quest’ultimo e dai suoi collaboratori, contribuendo altresì a fornire suggerimenti sulle modifiche da effettuare, per rendere la bozza più funzionale agli interessi degli aspiranti all’aggiudicazione dell’appalto».

Leggi anche:  Napoli, rissa tra stranieri a piazza Garibaldi: un accoltellato. Panico tra i viaggiatori
Pubblicità

Per gli inquirenti Pasquale Vitale, avvocato ed ex presidente del Cda di “Agrorinasce”, un consorzio che si occupa di beni confiscati nel Casertano, faceva da trait d’union tra Savoia e il sindaco Marino. Alla fine l’appalto, la cui gara si svolse nel 2018 davanti alla stazione appaltante dell’Asmel, non fu aggiudicato. Sia per Vitale che per Marino non sono state chieste misure cautelari dalla Dda. Nell’ambito della stessa indagine, nel novembre 2018, a Marino, allora al primo mandato da sindaco, furono perquisiti studio e abitazione.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Le mani dei Moccia sui ristoranti di Roma: condannati il boss Angelo e altri 4

Uno degli imputati è stato assolto Gestivano alcuni ristoranti del centro di Roma. Per questo cinque appartenenti al clan di stampo camorristico dei Moccia sono...

Raid al ristorante «Cala la pasta»: quattro condanne. C’è anche Patrizio Bosti jr

La vicenda avvenuta lo scorso 15 maggio a Forcella Quattro condanne, a 5 anni e 4 mesi di reclusione, a Napoli, anche per Patrizio Bosti...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook