Federproprietà Napoli

Dopo i disastri del secolo scorso, Bassolino ci riprova. Ma con lui Napoli ha già dato

Pubblicità

Politica e partiti scomparsi dalla circolazione, ma si sono triplicati i cacciatori di poltrone. Qualcuno la confonde con un posto di lavoro

Un esercito di candidati per 1.162 poltrone di sindaco e consiglieri di altrettanti comuni d’Italia. Per cui, dalle 7 alle 23 di oggi e dalle 7 alle 15 di domani e il 17 e 18 ottobre per l’eventuale ballottaggio, urne aperte a 12 milioni di cittadini per rinnovare sindaci e assemblee cittadine, del 14% delle nostre istituzioni locali. Negli stessi giorni, la Calabria sarà chiamata a eleggere il nuovo Consiglio regionale e a rieleggere il presidente, in sostituzione della forzista Iole Santelli, eletta a gennaio del 2020 e scomparsa a ottobre dello stesso anno.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Mentre 152mila cittadini della provincia di Siena voteranno per sostituire alla Camera dei deputati Pier Carlo Padoan (Pd) dimessosi per entrare nel cda dell’Unicredit e 119mila del colleggio 1-11 del Lazio, per surrogare la grillina Manuela del Re nominata rappresentante dell’Ue per il Sahel.

Per darvi la misura dell’esercito di candidati che saranno in movimento oggi è sufficiente un solo esempio quello più vicino a noi, Napoli, 7 candidati sindaci, 32 liste, 1.200 aspiranti consiglieri comunali. In pratica 30 per ogni posto disponibile (40). Ai quali bisogna sommare i 4/5000 candidati consiglieri di municipalità.

Una realtà che, obiettivamente, fa a pugni con il fatto che i partiti sono praticamente scomparsi dalla circolazione preferendo virtualizzarsi e nascondersi nei meandri dei cosiddetti social, che sono sempre di meno le persone che si occupano attivamente di politica e sono sempre di meno quelle che vanno a votare (non a caso da decenni il primo partito d’Italia è quello degli astenuti, delle schede bianche e nulle) al punto che tante liste ai nastri di partenza ottengono meno voti delle firme di sottoscrizione per la loro presentazione.

Per molti la poltrona è un posto di lavoro

Pubblicità

Di contro, però, sono tantissimi quelli che sognano la poltrona e qualcuno la considera, in mancanza d’altro, addirittura, una sorta di posto di lavoro. Infine, sono ben 13 (37% del totale), le liste al «servizio» di Manfredi. Gli basterà tutto questo per vincere? Teoricamente sì, tanto più che all’esercito di candidati al comune, vanno aggiunti i plotoni di quelli in corsa per le municipalità, senza dimenticare l’infinita sequela di errori del centrodestra che è sembrato anche aver rinunciato a fare campagna elettorale.

Leggi anche:  La montagna ha partorito il topolino. Intervento da 4 miliardi contro il caro bollette. Sprecati, serve più coraggio

Eppure, non è detto. E, comunque difficilmente al primo turno. Perché nonostante tutto: Bassolino – a dispetto dei disastri lasciati nel suo primo passaggio e che Napoli sente ancora bruciare sulla propria pelle -, Clemente e Maresca sono avversari difficili; perché per sfuggire ai confronti ed evitarsi domande indiscrete, ha pensato bene (o male?) di accompagnarsi a Letta e Conte (ai quali ha strappato l’appoggio per il debito di 2,7miliardi di euro che erediterà una volta eletto) e agli altri leader dei partiti amici coi quali ha discusso di “patti” e “piani” che di queste “strategie”, tanto fumo e poco arrosto, sono gli antesignani.

La grande ammucchiata dragoniana

Peccato non siano mai andati oltre. E visti i comportamenti, la grande ammucchiata dragoniana non sembra aver alcuna intenzione di cambiare strada. Anzi proprio a metà settimana – alla vigilia dal voto, convinto della propria intoccabilità per il conformismo della «famiglia allargata» e la buona stampa che lo accompagna – Draghi ha tolto la maschera e dopo aver assicurato il blocco delle tariffe di luce e gas ha spedito agli italiani bollette con il 29,8% in più per la luce e il 14,4% per il gas in totale il + 44,4%.

Eppure l’aumento previsto avrebbe dovuto essere del 42%, ma «dal dire al fare» è cresciuto di un altro 2,4%, E non dimentichiamo che già nel II e III trimestre di quest’anno erano cresciuti rispettivamente del 13,7% e del 19,2% per un totale del 32,9%. Insomma dall’inizio dell’anno il costo di luce e gas è già cresciuto dell’83,6%. E ora stanno provvedendo ad alzare gli estimi catastali per poter mettere le mani sulle nostre case.

Ma la stampa continua a osannare SuperMario che «ha rilanciato il Paese». Un rilancio che, però, a parte loro e i diretti interessati nessuno vede. Come ai tempi dell’altro SuperMario: Monti. Peccato che il centrodestra compatto a chiacchiere, ma liquido nei fatti e diviso fra maggioranza (Fi e Lega) e opposizione (FdI) rischia di non riuscire ad approfittarne.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Pompei, Alfonso Conforti: «Il Sindaco manca di rispetto verso il Forum dei giovani»

«L'arroganza e la mancanza di rispetto nei confronti dei giovani di Pompei hanno caratterizzato la mattinata della giornata odierna». Questo è quanto ha dichiarato...

Napoli, nata prematura da una donna con Covid-19: deceduta

La donna sarebbe ricoverata in gravi condizioni al Policlinico di Napoli Federico II Una bambina nata da pochi giorni sarebbe morta al Policlinico di Napoli...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter