Federproprietà Napoli

Videosorveglianza a Torre Annunziata, subito 9 nuove telecamere. Gara d’appalto da 700mila euro

Pubblicità

Il Comune oplontino ha stanziato 15mila euro per la sostituzione di 9 telecamere e la riparazione di altre 6. Nuova gara gestita dalla Stazione Unica Appaltante

Tra le indicazioni del Prefetto di Napoli Marco Valentini per arginare l’emergenza criminalità a Torre Annunziata, c’è anche il miglioramento del sistema di videosorveglianza che attualmente lascia a desiderare con telecamere obsolete, molte non funzionanti e con intere porzioni di territorio completamente al ‘buio’.

Pubblicità Federproprietà Napoli

La giunta municipale, nelle more dell’espletamento della nuova gara di circa 700 mila euro (quella precedente è stata revocata) per l’implementazione dell’impianto di videosorveglianza, ha messo a disposizione la somma di 15 mila euro per la sostituzione di 9 telecamere e la riparazione di 6.

«Con la spesa di 15mila euro – affermano gli assessori Francesco Longobardi (Lavori Pubblici) e Luisa Refuto (Sicurezza) –  rimetteremo in funzione le telecamere non funzionanti, nelle more dell’indizione della nuova gara di quasi 700 mila euro per l’implementazione dell’impianto di videosorveglianza, dopo che è stata revocata quella precedente per ovvi motivi di opportunità. La gara d’appalto sarà gestita dalla Stazione Unica Appaltante presso il Provveditorato delle opere pubbliche di Napoli».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Recovery fund, pagheranno le imprese. Parola di Ipsoa

Per nascondere, la scarsità dei risultati ottenuti, il favoliere delle Puglie ha di nuovo spostato di qualche metro in avanti, l'obiettivo. Ora parla di...

Tempo di analisi, di bilanci, di tirare le somme, predicendo il futuro

È tempo di bilanci, d’analisi, di studio, considerazioni e previsioni rispetto agli accadimenti a un anno dall’inizio della pandemia da "coronavirus". Analizzeremo gli eventi...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter