Napoli, Andrea Santoro (FdI) nel Consiglio della Città Metropolitana

Nuovo ingresso nel Consiglio della Città Metropolitana di Napoli. Andrea Santoro, in qualità di primo dei non eletti nella lista di Forza Italia alle elezioni dell’ottobre del 2016, è subentrato nell’assemblea elettiva ad Antonio Caiazzo. Il neo consigliere metropolitano ha costituito il gruppo di Fratelli d’Italia.

Pubblicità

«Saranno pochi mesi – ha spiegato Santoro – ma intendo utilizzarli per conoscere a fondo le dinamiche di questa Istituzione di cui si sa poco all’esterno nonostante abbia un ruolo strategico nella vita istituzionale di ogni Comune della Città Metropolitana di Napoli e quindi di tutti i nostri concittadini».

Dall’esponente di Fratelli d’Italia «un ringraziamento ai colleghi di Forza Italia, con cui cinque fa anni demmo vita ad una lista che seppe racchiudere le esperienze di un centrodestra all’epoca particolarmente frammentato. Sono certo che con loro troveremo i modi per una proficua collaborazione, anche in considerazione dell’ottimo lavoro istituzionale che finora hanno portato avanti».

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Fratelli d’Italia è sempre più radicata nei consessi istituzionali locali ed il mio ruolo sarà ovviamente di rappresentanza dei tanti amministratori locali, consiglieri assessori e Sindaci, che hanno sposato il progetto politico di Giorgia Meloni sul territorio napoletano» ha concluso.

Antonio Iannone
Il senatore Antonio Iannone

«Un prestigioso incarico – ha commento il senatore di Fratelli d’Italia, Antonio Iannone, coordinatore regionale di FdI in Campania – che vede per la prima volta Fratelli d’Italia sedere nel Consiglio della Città Metropolitana. La conferma di una crescita continua e costante del nostro Partito a Napoli è in Provincia. Ad Andrea Santoro l’augurio di buon lavoro nella consapevolezza che anche in questa veste saprá dimostrare le sue capacità e competenze».

Setaro

Altri servizi

Gratteri contro Geolier: «Cantanti col mitra danno lezioni, non posso tacere»

Il procuratore torna sull'invito del cantante alla Federico II «Le mafie sono come un’azienda: hanno bisogno di pubblicità. Su Tik tok si fanno vedere ricchi...

Camorra, per Emanuele Libero Schiavone custodia cautelare in carcere

Il gip del tribunale di Napoli ha disposto la stessa misura anche per Francesco Reccia Armi dopo la sparatoria in strada a Casal di Principe,...