Federproprietà Napoli

Napoli, Caldoro: «Per il candidato sindaco tante soluzioni qualificate nel Cdx. Covid? Dal Governo nessun cambio di passo»

Pubblicità

«Sul tema vaccini e prevenzione il cambio di passo ancora non si è visto» risponde così Stefano Caldoro, capo della opposizione di centrodestra, ad una domanda nel corso di una intervista a ‘TeleVomero‘.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«C’è un problema di dosi – ha spiegato – ed il Paese ne risente. Il premier Draghi dovrà fare un grande lavoro in Europa per garantire un flusso di vaccini ed organizzare finalmente una cosiddetta produzione ‘locale’, cioè una produzione europea e nazionale dei vaccini».

Sollecitato sulle elezioni amministrative, dopo aver sottolineato che «il rinvio è stata scelta saggia» ha aggiunto «siamo nei tempi, troveremo la sintesi migliore. Dall’altra parte c’è un’armata brancaleone, con le liste deluchiane senza idee e programmi utili solo per raccattare voti, un mondo poco limpido; sono liste di potere che ruotano tra Pd e Cinque Stelle. Il centrodestra invece, che sarà aperto al mondo civico, ha personalità come quella di Catello Maresca. Una candidatura autorevole, è un magistrato farà le sue scelte nel rispetto dei tempi».

Per Caldoro ci sono poi «altre qualificate soluzioni, c’è il manager Riccardo Maria Monti espressione di un mondo moderato e l’idea, più identitaria, di Sergio Rastrelli con l’augurio di poter poi valutare ulteriori nuove proposte. La sfida più importante è quella di avere idee chiare sulla città e superare gli ultimi trent’anni di amministrazione di sinistra nella nostra città attraverso un ricambio fatto di forze nuove e programmi innovativi».

Pubblicità

Sull’eventuale voto di sfiducia al Comune di Napoli ha invece ricordato «la mia idea è che il commissariamento sarebbe un danno per la città e non farebbe onore a Napoli ma ribadisco e confermo che un Sindaco a mezzo servizio può essere anche peggio».

Leggi anche:  Fisco, Ricchiuti (FdI):«No a pignoramento prima casa. Proposta Corte Conti irricevibile»
Leggi anche:  Covid-19, in Campania stop a vaccini AstraZeneca e J&J. De Luca: «No a mix di vaccini»

Nella parte finale ha rilanciato le sfide del centrodestra «Con il recovery Fund e con i fondi europei si possono immaginare idee e progetti per una Grande Napoli. Per far questo serve un cambio, un rinnovamento che superi l’immobilismo della sinistra. Recovery Fund e fondi europei rappresentano una grande occasione per il rilancio della città di Napoli, la giusta opportunità per superare gli errori di Comune e Regione».

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Campania, De Luca chiude le scuole. Limitazioni anche a feste e cibo d’asporto

Dopo l'impennata di contagi da Coronavirus, Vincenzo De Luca mostra i muscoli e sospende le attività didattiche ed educative in presenza nelle scuole primarie...

Ristori, la Cgia: «Coperto solo il 25% delle perdite. Aiuti del tutto insufficienti»

«Dall’inizio della crisi pandemica fino a oggi le risorse direttamente a sostegno delle imprese italiane ammontano a circa 35 miliardi di euro. Nonostante ciò,...

Ultime notizie

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook alla pagina ufficiale