Federproprietà Napoli

Basilicata, Fratelli d’Italia manifesta contro il dl Immigrazione. Caiata: «Un decreto sconsiderato»

Pubblicità

Gli eletti di Fratelli d’Italia Basilicata hanno manifestato, oggi, a Potenza contro il dl Immigrazione che l’onorevole Salvatore Caiata definisce «sconsiderato perché consente un’immigrazione indiscriminata sotto il paravento dell’accoglienza umanitaria».

Pubblicità Federproprietà Napoli

L’onorevole Caiata ricorda che «Conte con questo decreto sconfessa se stesso e i decreti Salvini che pure aveva approvato e che Fratelli d’Italia già considerava poco risolutivi benchè costituissero un passo avanti. Da sempre, Giorgia Meloni invoca il blocco navale che consentirebbe di risparmiare vite umane e di bloccare il traffico di esseri umani fermando gli sbarchi clandestini. Evidentemente non c’è la volontà seria di risolvere questo problema», conclude Caiata.

Alla manifestazione davanti l’Hotel Vittoria, trasformato da centro congressi a centro di accoglienza degli immigrati, hanno partecipato, oltre all’onorevole Caiata, gli assessori del Comune di Potenza, Alessandro Galella e Giuseppe Giuzio, i consiglieri comunali Mary William, Carmen Galgano e Michele Napoli, il responsabile del Dipartimento regionale legalità, sicurezza e immigrazione di Fratelli d’Italia, Francesco Pappalardo e la responsabile del Dipartimento regionale Organizzazione e Comunicazione Fratelli d’Italia, M. Ivana Smaldini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Il paradosso Donzelli: la sinistra, come sempre, prova a buttarla in «caciara»

In difesa dei «compagni che sbagliano» la sinistra non consente di potersi esprimere Da un paio di giorni l’argomento principale su cui si soffermano i...

Piantedosi: «Rischio saldatura tra anarchici e antagonisti». Italia sotto attacco

Ribadita la linea dura del Governo: «Di fronte alla violenza non si tratta» L’Italia è «sotto attacco dell’internazionale anarchica». C’è il rischio di una saldatura...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook