Federproprietà Napoli

Coronavirus, Osnato (FdI) contro il Governo: «Orari locali non diventino alibi per lavarsi la coscienza»

Pubblicità

«Fratelli d’Italia è stato il partito che per primo ha chiesto rigore nelle misure di controllo della pandemia: Fin dai primi giorni di marzo abbiamo invitato il governo a prendere decisioni importanti – tardivamente ascoltati – per evitare la diffusione del contagio». Lo dichiara Marco Osnato, deputato di Fratelli d’Italia e responsabile del Commercio per FDI.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Già allora – continua Osnato -, però, invitammo il governo a non insistere sui codici Ateco per determinare le chiusure delle attività ma a concentrarsi sulla possibilità di mantenere aperture che garantissero standard di sicurezza adeguati e che si procedesse a controlli severissimi».

«Oggi ci sembra che – nel caso dei pubblici esercizi – si voglia andare nella stessa direzione, magari sostituendo i codici Ateco con gli orari contingentati. Non crediamo che il virus circoli più diffusamente in determinati orari, e anzi, ridurre la capacità di accoglienza temporale di bar e ristoranti rischi di aumentare la concentrazione di utenti».

«Il settore ha patito delle perdite durissime e, adesso che sta ripartendo, non può subire una nuova “stangata”: si pensi a prescrizioni chiare e a farle rispettare con controlli severi, così da non mortificare gli esercenti seri e onesti» conclude.

Pubblicità

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

 

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Napoli, guide turistiche in protesta al Mann. Schifone: «Musei aperti anche nel week-end e ristori per tutti»

La crisi economica a seguito della pandemia da Coronavirus nel mondo sta mettendo in ginocchio il settore turistico italiano. Questa mattina un folto gruppo...

La pandemia ha messo a nudo la forza della paura

L’assedio è la condizione della nostra quotidianità. È la paura che impedisce di pensare ad altro che non sia la nostra fragilità. E da...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook